Foro Blog

Estrogeni: Cosa sono, qual è la loro funzione e che vantaggi hanno?

Estrogeni: Cosa sono, qual è la loro funzione e che vantaggi hanno?

Cosa sono gli estrogeni?

Sono ormoni sessuali come i progesteroni e gli androgeni. Provengono dalla metabolizzazione del colesterolo e vengono prodotti principalmente nelle ovaie e nella placenta e, in quantità minori, nelle ghiandole surrenali.

Qual è il ruolo degli estrogeni?

Gli estrogeni influiscono su innumerevoli organi e tessuti. La loro principale azione si svolge nell’endometrio, nelle mammelle e nelle ovaie inducendo la proliferazione cellulare. Svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo dei caratteri sessuali secondari e nel menarca. Nel ciclo mestruale, promuove la crescita dell’endometrio preparandolo per l’annidamento dell’embrione. Ha un effetto preventivo sulle malattie cervello-vascolari e una delle principali funzioni è la regolazione del metabolismo di grassi e colesterolo. Influisce anche sulla distribuzione del grasso nel corpo femminile. A livello osseo, favorisce la produzione ossea ed evita l’osteoporosi.

Quali sono i livelli normali di estrogeni?

I livelli di estrogeni variano a seconda del momento del ciclo mestruale e la maggior concentrazione di ottiene durante lo sviluppo follicolare (aumenta da 200pg/ml a 400pg/ml), per diminuire leggermente durante l’ovulazione e aumentare nuovamente nella fase lutea. Nel momento basale il livello è di circa 50pg/ml. Durante la gravidanza i livelli di estradiolo aumentano in modo costante (3.000pg/ml nella settimana 12, 9.000pg/ml nella settimana 20 e 14.000pg/ml alla fine della gravidanza)

Quali tipi di estrogeni possiamo trovare?

Gli estrogeni vengono sintetizzati dall’enzima aromatasi partendo dagli androgeni e sono principalmente: 

  • Estrone: sintetizzato dal progesterone.
  • Estradiolo: prodotto dal testosterone.
  • Estriolo: proviene dall’androsterone.

Qual è l’impatto degli estrogeni nei trattamenti di riproduzione assistita?

Nei cicli di fecondazione in vitro utilizziamo estrogeni soprattutto per preparare l’endometrio prima del trasferimento dell’embrione. Si utilizzano nella fase follicolare per far crescere l’endometrio e si mantiene fino a quando il feto e la placenta producono sufficiente estradiolo per proseguire la gravidanza.  

In alcuni casi si utilizza per programmare il ciclo, sia in fecondazione in Vitro che in preservazione della fertilità.

Quando e come vengono somministrati gli estrogeni?

Gli estrogeni si somministrano per via orale (pastiglie) e per via transcutanea (cerotti). Esistono diverse confezioni commerciali a seconda della dose che deve essere personalizzata a seconda della risposta individuale.

Esiste anche un tipo di somministrazione vaginale e intramuscolare.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell’utilizzo di estrogeni in un trattamento di fertilità?

La somministrazione di estrogeni ci permette di controllare la crescita dell’endometrio nei trasferimenti dell’embrione, sia con embrioni vitrificati propri, sia in caso di donazione di ovuli e adozione di embrioni. Tra le controindicazioni, è importante tener presente i tumori previamente sviluppati dalla paziente associati agli ormoni (tumore al seno, endometrio, ecc.) e la presenza previa di trombosi.

Dottoressa Dra Cristina Gavilán, ginecologa dell’Instituto Bernabeu

POTREBBERO INTERESARTI ANCHE:

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19