MACS e altre tecniche di selezione degli spermatozoi

La selezione dei migliori spermatozoi migliora la possibilità di rimanere incinta

MACS e altre tecniche di selezione degli spermatozoi
  • Vuoi ricevere maggiori informazioni?

    Ti aiutiamo senza impegno

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Le tecniche di selezione degli spermatozoi prima di pilotare per una ICSI, negli ultimi anni si stanno evolvendo, permettendo la realizzazione di una selezione più specifica per il miglior sperma. Attualmente è possibile eseguire una valutazione morfologica nella scelta dello sperma per essere microiniettati con speciali ottiche che consentono aumenti di osservazione con oltre 6000 (IMSI). Si può anche effettuare la cosiddetta “ICSI fisiologica “, in cui l’acido ialuronico viene impiegato sia nella piastra microiniezione (PICSI) o nel terreno di coltura (“Sperma lento“) per la selezione di spermatozoi maturi, che, in priori, mostrano una diminuzione di alterazioni cromosomiche. Tuttavia, recenti studi hanno dimostrato la superiorità di questi metodi e ancora sono in fase di sperimentazione.

Integrità del DNA spermatico
(frammentazione del DNA spermatico)

Maturità dello spermatozoo

Ultramorfologia dello spermatozoo

L’uso di colonne MACS tipo annexin prima di effettuare un’ICSIci permette anche di selezionare gli sperma pre-apoptotici, che entrerà in morte cellulare programmata e non può provocare embrioni evolutivi. Queste colonne sono utilizzate anche nei casi in cui vi è l’eccessiva frammentazione del DNA degli spermatozoi, che è legata ai processi di fallimento nella fecondazione e blocco embrionario. Quando la frammentazione del DNA danneggia il suo doppio filamento, può essere utilizzato un dispositivo chiamato chip Fertile®, che consente la selezione di quegli spermatozoi che non presentano queste rotture nel loro DNA, potendo scegliere gli spermatozoi migliori per la ICSI.

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19