Congelazione di embrioni. Crioconservazione

Il congelamento di embrioni mediante vetrificazione ci permette di criopreservarli in condizioni ottimali per poterli utilizzare in trasferimenti futuri e ottenere una gravidanza.

Congelazione di embrioni. Crioconservazione
  • Vuoi ricevere maggiori informazioni?

    Ti aiutiamo senza impegno

  • GG slash MM slash AAAA
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Perché congelare gli embrioni?

Il congelamento degli embrioni, è una tecnica con lo scopo di preservare l’esito del trattamento in vitro embrioni fecondazione sia perché una volta che il trasferimento di embrioni in eccedenza hanno buona qualità o perché per vari motivi necessario o opportuno per effettuare il successivo trasferimento.

Il congelamento degli embrioni consente di ottimizzare il trattamento aumentando il tasso di gravidanza per iniezione con un singolo ciclo di stimolazione ovarica può trasferire embrioni in più di una occasione, e contribuire a ridurre la gravidanza multipla, nella misura in cui la disponibilità di congelare embrioni facilita la decisione di trasferire un numero inferiore di embrioni.

Come vengono congelati gli embrioni?

Per criopreservare gli embrioni è necessario sottomettere a temperature molto basse utilizzando l’azoto liquido, raggiungendo temperature di circa -196ºC. A queste temperature qualsiasi attività biologica si arresta, mantenendo intatta la loro fisiologia. Tuttavia, durante il congelamento si possono formare cristalli di ghiaccio che possono danneggiare le cellule. Per prevenire e conservare campioni indefinitamente crioprotettori, che sono sostanze che agiscono nello stesso modo di antigelo utilizzato. Questi embrioni vengono correttamente identificati da un codice e conservati congelati in serbatoi di azoto registrando la loro posizione per una facile ricerca.

Nell’Instituto Bernabeu, ogni paziente ha i suoi embrioni situati in una zona exclusiva nei contenitori di criocustodia, che non é condivisa con altri campioni o pazienti, in maniera che  si salvaguardano le possibili contaminazioni crociate o menomazioni. 

Cos’è la vetrificazione embrionaria?

La vetrificazione è la tecnica di congelamento rapido basata sull’uso di concentrazioni molto elevate di tassi di raffreddamento crioprotettori e estremamente elevate che evitano la formazione di cristalli di ghiaccio. La sua costituzione, come una tecnica di routine nei laboratori ha contribuito notevolmente al miglioramento dei risultati rispetto ad altre tecniche tradizionalmente impiegate, consentendo tassi di sopravvivenza raggiungendo il 90%.

Che differenze c’è tra il trasferimento di embrioni freschi o congelati?

Anche se i risultati ottenuti con il trasferimento di embrioni congelati sono leggermente inferiori a quelli ottenuti con embrioni freschi, queste differenze stanno diminuendo grazie ai progressi nelle tecniche di congelamento. Inoltre, il congelamento degli embrioni non è associato ad un aumentato rischio di “malformazioni o di complicazioni” della gravidanza, rispetto alla popolazione in generale.

Come viene programmato un trattamento attraverso la crioconservazione “CT”?

Il trattamento con gli embrioni congelati è semplice, comodo e conveniente. Non è necessario sottomettersi ad iniezioni giornaliere né a numerosi controlli ecografici. Non è nemmeno necessario sottomettersi a procedimenti anestetici e gli effetti secondari sono inesistenti nella maggior parte dei casi, perché i livelli ormonali durante la preparazione sono molto simili a quelli in un ciclo normale.

La base del trattamento è la preparazione dell’utero per renderlo più ricettivo per il momento della scongelazione e trasferimento degli embrioni criopreservati.

I due metodi per la preparazione endometriale più utilizzati sono il ciclo artificiale (con terapia ormonale) e il ciclo naturale. Entrambi i trattamenti raggiungono lo stesso risultato riproduttivo e sarà il proprio medico che consiglierà il più appropriato a seconda della propria anamnesi.   

Trasferimento di embrioni congelati in ciclo artificiale o sostituito

Il ciclo artificiale inizia con le mestruazioni e si basa sulla somministrazione di estrogeni per via orale o transdermica (sotto forma di cerotti o gel) per un periodo di circa due settimane prima del trasferimento. A volte, il medico può anche prescrivere di somministrare una singola iniezione prima di iniziare il trattamento. Una volta verificata un’adeguata risposta al trattamento, verranno aggiunte delle supposte vaginali di progesterone (in alcune occasioni anche per via sottocutanea) e verrà eseguito il criotrasferimento dopo l’esposizione uterina al progesterone per un numero di giorni equivalente allo sviluppo dell’embrione che sarà utilizzato. Il giorno del criotransferimento o i giorni precedenti si effettuerà un’analisi per verificare i livelli di progesterone nel sangue. Generalmente il farmaco verrà mantenuto fino alla 10-12 settimana di gravidanza.

Trasferimento di embrioni congelati in ciclo naturale

La preparazione dell’endometrio nel ciclo naturale si ottiene attraverso gli ormoni (estrogeni e progesterone) prodotti dal follicolo ovarico in crescita, perciò per effettuare questo trattamento è fondamentale avere cicli mestruali regolari. Sarà necessario monitorare il ciclo ovarico per mezzo di una o più ecografie fino al rilevamento del follicolo che sta per ovulare. L’ovulazione viene attivata con una singola iniezione di HCG. Il criotrasferimento avviene una settimana dopo l’ovulazione. Nei giorni precedenti al criotransferimento si effettuerà un trattamento di sostentamento il quale prevede che vengano aggiunti ovuli vaginali di progesterone a dosi ridotte e che sarà mantenuto durante il primo trimestre. Questo trattamento ha il vantaggio di non dover assumere farmaci.

La tecnica di trasferimento dell’embrione crioconservati è identica a quella utilizzata per gli embrioni freschi, non richiede una preparazione diversa o ulteriore disagio. Anche le raccomandazioni successive sono identiche e il trattamento individualizzato deve essere continuato almeno fino all’esecuzione del test di gravidanza.

Quali sono le possibilità di successo nel conseguire una gravidanza con embrioni congelati?

Negli ultimi anni con l’introduzione delle tecniche di vetrificazione le percentuali di sopravvivenza embrionaria e di gravidanza sono considerevolmente migliorate superando le migliori previsioni.

Bisogna tener presente che le possibilità di rimanere incinta con la fertilizzazione in Vitro variano considerevolmente in funzione del tipo di trattamento e delle caratteristiche della coppia (età, cause di sterilità, ecc.) per questo le percentuali di successo devono essere individualizzate caso per caso.

La probabilità di successo è leggermente inferiore a quella ottenuta con embrioni freschi ma è necessario considerare che si tratta di uno sforzo minimo per quel che riguarda un complesso e costoso trattamento.

Una volta in cinta, bisogna seguirla con particolari attenzioni? Esistono dei rischi?

I dati che sono stati raccolti delle gravidanze e dei bambini nati dopo i trattamenti con embrioni congelati non hanno riportato nessuna differenza rispetto agli embrioni trasferiti senza sottoporsi previamente una criopreservazione.

Pertanto l’evidenza scientifica è totalmente tranquillizzante per la realizzazione di questo trattamento.

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19