Foro Blog

Cos’è una banca di embrioni?

Cos’è una banca di embrioni?

Uno degli obiettivi più importanti nella storia della medicina riproduttiva è stato senza dubbio la capacità di crioconservare con successo ovociti (ovuli) ed embrioni. Attualmente, la tecnica di congelamento più estesa nei laboratori di Fecondazione in Vitro di tutto il mondo è la vitrificazione. Lo sviluppo di un programma di crioconservazione di ovociti efficace è essenziale per qualsiasi laboratorio di riproduzione. Nell’Instituto Bernabeu lo sappiamo bene e fin dagli inizi abbiamo sviluppato un buon programma di vitrificazione associato ad una banca di ovociti ed embrioni coordinata dai nostri esperti embriologi.

Cos’è una banca di embrioni? Perché è utile avere una banca di embrioni?

La banca è un luogo in cui si depositano, vengono custoditi e conservati gli embrioni dopo la vitrificazione nel laboratorio di FIV. È importante avere una banca di embrioni per diversi motivi:

  • Permette di crioconservare gli embrioni di buona qualità eccedenti delle coppie che si sono sottoposti ad un trattamento di riproduzione assistita. Con lo scopo di utilizzarli in tentativi successivi se dopo il trasferimento non si è ottenuta la gravidanza o in futuro per avere altri figli e completare il proprio progetto riproduttivo.
  • Permette di preservare gli embrioni sottoposti a biopsia in attesa della diagnosi genetica pre-impianto DGP / PGT .
  • Ci permette di custodire gli embrioni per lunghi periodi di tempo nei casi in cui è necessario posticipare il trasferimento dell’embrione per diversi motivi: 
    • Diagnosi di un endometrio inadeguato per annidare l’embrione.
    • Qualsiasi motivo personale dei pazienti che richieda posticipare il trattamento.

Quali requisiti deve rispettare una clinica per gestire una banca di embrioni?

Dopo aver vitrificato gli embrioni, si conservano in recipienti di azoto liquido ad una temperatura di -196ºC. Una cosa importante: il tempo di conservazione non altera il potenziale dell’embrione.

La sicurezza in una banca di embrioni è fondamentale, per cui le condizioni di conservazione seguono un meticoloso controllo di monitoraggio della temperatura.

Inoltre, la banca di embrioni deve avere un sistema di tracciabilità preciso che permetta di identificare rapidamente la posizione e l’identificazione unica di ogni campione. Questa identificazione si controlla una seconda volta con due piatteforme informatiche indipendenti che evitano qualsiasi errore umano in una delle due verifiche. Con queste azioni si garantisce la massima sicurezza e tranquillità sia dei medici coinvolti nella gestione della banca che dei pazienti:

Cosa stabilisce la legislazione spagnola rispetto agli embrioni non trasferiti in un trattamento di fertilità? Cosa si fa con gli embrioni congelati?

Stando alla legislazione spagnola, esistono quattro possibili destinazioni che il paziente può scegliere per i propri embrioni crioconservati:

  1. Per uso proprio (il paziente sarà responsabile della conservazione).
  2. Dedicarli a scopi scientifici.
  3. Donarli ad altri pazienti (embrioadozione).
  4. Distruggerli

In qualsiasi caso, il requisito indispensabile per preservare embrioni è la firma di un consenso informato da parte dei pazienti. Verranno informati degli aspetti tecnici della preservazione. E si offre il consenso relativo alle condizioni secondo le quali verranno conservati gli embrioni fino al prossimo uso, donazione o distruzione.

Cosa stabilisce la legge italiana in materia di embrioni congelati?

La legislazione italiana indica che se una coppia o paziente non desidera crioconservare i propri embrioni, verranno dichiarati in “stato di abbandono”. Significa che non si desidera che rispettino queste condizioni anche se continueranno ad essere conservati, sebbene legalmente non apparterranno a nessuno.  Quindi non è possibile donare gli embrioni né destinarli alla scienza o distruggerli.

Inoltre, se una coppia (sposati o coppia di fatto) si separa o uno dei due muore, tutti gli embrioni passano ad essere dichiarati in “stato di abbandono”.

Le autorità italiane stanno lavorando per la creazione di una grande banca che riunisca tutti gli embrioni “in stato di abbandono” per risolvere così il problema di conservazione di questi embrioni.

Come avviene il trasferimento di embrioni da una clinica all’altra?

Sono sempre più numerose le coppie o pazienti che desiderano trasferire i propri embrioni da una clinica all’altra per diversi motivi. In questo caso la coppia o pazienti devono:

  1. Firmare l’autorizzazione del trasferimento presso il centro di origine.
  2.  Entrambi i centri di fertilità devono avere un contratto di collaborazione in vigore che preveda il trasferimento e le responsabilità derivanti.
  3.  Il trasporto deve essere effettuato da aziende legalmente autorizzate.
  4. L’azienda di trasporti deve conoscere la corretta manipolazione dei contenitori. I contenitori sono preparati per mantenere la temperatura nella fascia adeguata (-196ºC) per vari giorni durante i quali si monitorizza con sonde di temperatura o data loggers.

Sia la clinica di origine che di ricezione degli embrioni deve semplificare il processo ai pazienti, considerando che l’uso corretto della manda di embrioni ha effetti positivi sia sui pazienti che sul personale coinvolto.

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19