Foro Blog

Cosa dovresti chiedere e sapere alla tua prima visita di fertilità?

Cosa dovresti chiedere e sapere alla tua prima visita di fertilità?

All’Instituto Bernabéu riteniamo sia di grande importanza il primo contatto del paziente con il nostro team. Fin dal primo momento si godrà di un’assistenza completa offerta da parte di tutti i professionisti che compongono l’Istituto Bernabéu, cominciando dall’assistenza telefonica (durante l’orario di lavoro e in caso di emergenza), continuando dal reparto infermieristico e dagli assistenti personali, dai laboratori e, ovviamente, dal ginecologo specializzato nella riproduzione assistita. Insieme prestiamo la massima attenzione al paziente e perseguiamo un obiettivo comune: un bambino sano a casa.

Siamo coscienti che recarsi in una clinica per la fertilità per conseguire la gravidanza è una scelta difficile, con una grande carica emotiva, anche se si tratta di una visita meramente informativa, e, per questo motivo, facciamo in modo che questa prima interazione sia resa il più piacevole e soddisfacente possibile per le pazienti al fine di soddisfare le loro aspettative e di fornire tutte le informazioni possibili, in modo che la valutazione finale dei pazienti sia ottimale.

Per il dottore specialista della fertilità, la prima visita è molto importante, poiché in essa incontra i pazienti, fa una valutazione della loro anamnesi e offre spiegazioni e alternative terapeutiche personalizzate che riguardano ogni caso.

Índice

Quali domande potrà fare lo specialista in salute riproduttiva nella prima consultazione?

Durante questa visita, il ginecologo raccoglie una anamnesi generale della paziente, e del suo partner quando opportuno, in cui prende nota di tutti i dati di interesse relativi alla fertilità ed esegue anche un esame fisico della paziente.

Per iniziare una cartella clinica, il ginecologo approfondirà sullo stile di vita e sulla salute generale dei pazienti. Farà anche domande sulla storia familiare e ginecologica, dettagli sul ciclo mestruale, se si assumono o se sono stati assunti determinati farmaci, se c’è uso di sostanze o potrebbe esserci stata esposizione a sostanze nocive. Inoltre verrà chiesto dell’esistenza di interventi chirurgici, test analitici o trattamenti precedenti. Inoltre, in questa prima visita, verrà eseguita una visita ginecologica completa. E saranno controllati il peso e l’altezza per registrarli.

Cosa portare alla prima visita di fertilità? Quali informazioni è importante rendere noto al ginecologo/a esperto/a in Medicina della Riproduzione?

Tutti i documenti sanitari che possono essere forniti in questa consultazione saranno molto utili, in particolare quelli che fanno riferimento all’anamnesi, ai precedenti test di fertilità o ai trattamenti. Qualsiasi circostanza, malattia o intervento chirurgico ginecologico che si ritenga rilevante deve essere reso noto allo specialista, affinché le alternative diagnostiche e terapeutiche offerte siano il più personalizzate possibile.

In ogni caso, se fosse difficile ottenere questi referti, comunque non bisogna ritardare l’appuntamento, poiché il medico potrà effettuare in ogni modo un’adeguata valutazione e capire se la documentazione sia assolutamente necessaria o prescindibile.

Quali test di base possono essere richiesti durante il controllo della fertilità?

Ogni paziente è unico, per questo motivo non si possono eseguire gli stessi metodi diagnostici e applicarli a livello generale. Perciò il ginecologo, dopo aver effettuato un’ampia valutazione e tenuto conto delle caratteristiche e delle esigenze personali, valuterà quali indagini o test diagnostici sono appropriati per ciascun caso.

Generalmente, durante la prima visita di fertilità all’Instituto Bernabéu vengono effettuate le seguenti indagini:

  • Anamnesi. Come abbiamo accennato, è lo studio della storia clinica familiare e personale. Questi dettagli possono influenzare il corso della futura gravidanza, essere la causa o influenzare le difficoltà per il concepimento. Così come, tale difficoltà, potrebbe essere collegata alle abitudini di vita o all’esposizione a sostanze nocive.
  • Valutazione del percorso previo dell’infertilità.
  • Visita generale e ginecologica. Momento in cui si studia la morfologia e la funzionalità dell’utero e degli ovari della paziente.
  • Test diagnostici. Il costo della prima visita, se necessario, comprende:
  • Un’ecografia 3D ad alta risoluzione per lo studio morfologico dell’utero, delle tube e delle ovaie.
  • Uno spermiogramma di base.
  • Studio della morfologia degli spermatozoi.
  • Un’analisi dell’ormone anti-mulleriano (AMH) della paziente per valutare l’attività ovarica.

L’indagine sulla fertilità presso l’Instituto Bernabéu consiste in un secondo colloquio, di persona oppure online, in cui il ginecologo, dopo aver constatato tutti i risultati degli studi effettuati, proporrà una diagnosi personalizzata, che consentirà di iniziare il programma diagnostico a partire dalla prossima mestruazione.

Che tipo di test specifici potranno rendersi necessari?

Come anzidetto, quando si parla di fertilità, ogni persona è unica e non si possono applicare test standard. Pertanto, in alcuni casi, sarà necessario effettuare esami più specifici in base al profilo o alle specifiche esigenze del paziente. Tra gli esami principali bisogna evidenziare i seguenti:

Per maggiori approfondimenti sull’informazioni di altri test diagnostici cliccare sul seguente link: studi innovativi sulla fertilità.

Se si è una coppia eterosessuale, quali sono gli esami clinici che si richiedono per lui?

Innanzitutto si realizza un check up generale relativo allo stato di salute, al cariotipo, alla sierologia o al gruppo sanguigno. In aggiunta, nel caso degli uomini, viene effettuata una valutazione seminale, che, in alcuni casi determinati, può essere completata con altri test come il REM (recupero degli spermatozoi mobili), il FISH (per valutare alcune alterazioni cromosomiche degli spermatozoi) o il TUNEL (che analizza il grado di frammentazione del DNA spermatico), oltre agli altri test più specifici.

Se si è una coppia omosessuale, quali saranno gli esami clinici che si realizzeranno?

Nel caso in cui siano due donne che si rivolgono alle nostre cliniche con il desiderio di diventare madri, le opzioni disponibili sono diverse. Gli esami clinici di base che verranno effettuati saranno gli stessi di quelli sopra descritti per qualsiasi paziente. Inoltre, a seconda del trattamento che si andrà ad effettuare, verranno eseguiti altri test più specifici, come quelli menzionati in precedenza qui sopra.

A seconda dei desideri delle pazienti e delle caratteristiche personali di ciascun caso, lo specialista guiderà le coppie in modo personalizzato quale sia il trattamento più appropriato:

  • Inseminazione artificiale con seme di donatore
  • Fecondazione in vitro con seme di donatore
  • La doppia donazione di gameti
  • Adozione di embrioni
  • Il metodo ROPA, in cui una delle pazienti viene sottoposta alla stimolazione e prelievo degli ovociti e l’altra riceve il trasferimento dell’embrione e consegue la gravidanza

Se desidero diventare una madre single, cosa devo tener presente durante la prima visita di fertilità?

Il nostro Istituto vanta di una vasta esperienza nell’assistenza medica ed emotiva delle pazienti che desiderano diventare madri single.  In questi casi, nella prima visita per la fertilità guidiamo la paziente a riguardo dei trattamenti riproduttivi più appropriati in base al suo caso. Perciò, oltre ad effettuare un check-up completo della fertilità, verrà studiato il donatore di seme più adatto al suo profilo. All’Instituto Bernabéu applichiamo i più severi controlli genetici, fisici e psicologici ai nostri candidati; contiamo su una banca di oltre 1.000 campioni seminali per un’assegnazione ottimale e rigorosa. Per maggiori approfondimenti sul tema.

Quali sono le tematiche che dovresti approfondire con il dottore/dottoressa o con l’assistente personale?

I pazienti devono rivolgere al ginecologo/a tutte le domande e i dubbi che possono sorgere prima, durante e dopo la prima visita. Le domande che generalmente vengono poste al primo contatto con lo/a specialista riguardano i temi che qui di seguito indichiamo:

Sono libera di scegliere qualsiasi dottore o dottoressa dalla lista degli specialisti della clinica?

Certamente, la risposta è sì.

Dove si trovano i laboratori per effettuare gli esami che si richiedono?

La maggior parte dei test vengono effettuati nelle nostre strutture e i laboratori appartengono alla stessa clinica della fertilità. I laboratori di FIVET, Genetica e Andrologia dell’Instituto Bernabéu sono laboratori molto efficienti, dotati della più alta tecnologia, infatti sono punti di riferimento nel settore.

I diversi trattamenti di stimolazione ovarica, in cosa consistono o quanto durano.

Queste domande saranno approfondite in dettaglio dallo stesso ginecologo o dall’assistente personale di ciascun paziente.

Qual è il costo per ogni trattamento?

In merito ai budget di ciascuna prova e ai trattamenti indicati nella consulenza, nonché alle diverse tipologie di finanziamento, l’ufficio amministrazione informerà nel dettaglio dopo la consulenza.

Esistono Unità di trattamento specifiche?

Per una cura adeguata e un trattamento su misura per ogni caso, l’Instituto Bernabéu dispone di Unità diagnostiche e terapeutiche specifiche per le principali patologie riproduttive, tra cui qui di seguito riportate:

– Unità di riserva ovarica bassa.

– Unità del Fallimento dell’impianto di embrioni e di aborto ripetuti.

– Unità di endometriosi.

– Infertilità causata dall’obesità

– Fertilità Endocrinologia

– Immunologia

– Consulenza genetica

 Quali certificati di qualità garantiscono i processi?

Il nostro impegno per la qualità e la sicurezza in ogni fase del trattamento riproduttivo è garantito dall’assegnazione di 6 premi nazionali e internazionali che vengono periodicamente rinnovati:

– ISO 9001:2015 per la gestione della qualità.

-ISO 14001:2015. Sistemi di gestione ambientale completi.

– EFQM “committed to excellent” della Fondazione Europea per la Qualità di Management. Siamo il primo centro spagnolo di medicina riproduttiva ad averlo ottenuto.

– Timbro SEP EFQM (eccellente sanità privata)

– SEP International.

– QH Quality HealthCare

– UNE 179007 Gestione della Qualità per i Laboratori di Riproduzione Assistita.

 Se avessi bisogno di maggiori informazioni riguardo al processo di selezione dei donatori di gameti (ovuli o seme)?

Nel caso in cui il trattamento richieda la donazione di gameti, ci sarà un successivo consulto con uno specialista del reparto donazioni per spiegare nel dettaglio questa tematica e risolvere ogni dubbio ad essa connesso.

Potrei conoscere le percentuali di successo di ciascuno dei trattamenti?

Il ginecologo durante la consultazione spiegherà i risultati di ciascuna delle tecniche proposte, adattandoli alle caratteristiche di ciascun paziente.

Inoltre, per offrire ai nostri pazienti la massima trasparenza, forniamo annualmente i nostri risultati alla Società Spagnola di Fertilità (SEF) e vengono sottoposti a revisione da parte di due organi di certificazione esterni.  (maggiori informazioni)

A chi rivolgersi per ulteriori dubbi?

Dalla prima visita all’Instituto Bernabéu verrà assegnata, a completa disposizione, una propria assistente personale (PA) per accompagnare durante l’intero processo. Con l’assistente si potrà condividere, commentare, spiegare e risolvere qualsiasi domanda che possa sorgere e aver bisogno sia di persona durante le visite ed esami medici, sia via mail o telefono diretto. L’assistente personale funge anche da collegamento con il medico/a affinché la comunicazione sia sempre fluida e agile

Anni di esperienza.

Il gruppo Instituto Bernabéu è precursore nella ricerca di soluzioni personalizzate per i pazienti con infertilità da oltre 35 anni.

Servizio completo e consulenze di emergenza.

Gli specialisti dell’Instituto Bernabéu sono disponibili durante l’orario di lavoro, inoltre è presente un servizio di emergenza che risponde al telefono e valuta la situazione di qualsiasi paziente che ne abbia bisogno al di fuori dell’orario lavorativo.

Dott.ssa Leyre Herrerobiologa dell’Instituto Bernabeu.

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19