fbpx

Foro Blog

È possibile congelare i miei ovuli? In quali casi è indicato? In cosa consiste il trattamento? L’età della donna gioca un ruolo importante?

È possibile congelare i miei ovuli? In quali casi è indicato? In cosa consiste il trattamento? L’età della donna gioca un ruolo importante?

Queste domande stanno diventando comuni durante le consulenze ginecologiche. I motivi per cui vengono poste possono essere diversi. Al giorno d’oggi dobbiamo saperne di più sulla preservazione della fertilità, perché ci sono molti casi in cui può essere utile e non sarebbe logico perdere l’opportunità di aiutare le nostre pazienti e i nostri colleghi ginecologi e oncologi.

Quando si consiglia preservare la fertilitá?

Ad esempio, quando una donna non ha stabilito chiaramente la sua pianificazione per la maternità, ma non vuole correre il rischio di raggiungere un’età in cui potrebbe avere difficoltà a causa di una diminuzione della sua riserva ovarica. Si tratta di casi in cui non c’è un partner con cui desidera condividere una gravidanza in quel particolare momento. Anche nei casi in cui, per motivi lavorativi o sociali, una gravidanza non è considerata un’opzione in quel momento.

In questi casi, la procedura è simile alla prima parte di un ciclo di fecondazione in vitro, fino al momento del prelievo degli ovociti. I rischi sono minimi, poiché i protocolli di medicazione sono generalmente delicati e situazioni come l’iperstimolazione ovarica sono praticamente escluse.

Altri casi sono quelli in cui ci si trova di fronte a una malattia che provoca una diminuzione o una perdita della riserva ovarica. Ad esempio, il cancro al seno in una donna giovane che non ha ancora avuto figli. Non c’è dubbio che al giorno d’oggi le possibilità di guarigione sono così alte che possiamo contemplare la possibilità che, dopo un periodo di tempo ragionevole, la paziente guarita prenda in considerazione la possibilità di avere figli.  Questi pazienti riceveranno un trattamento che potrebbe (non sempre) ridurre le loro possibilità di gravidanza in futuro. Se riusciamo a preservare la loro fertilità, le aiuteremo a pianificare la loro vita.

Pertanto, un approccio multidisciplinare insieme all’oncologo, al ginecologo e alla famiglia ci aiuterà a pianificare nel più breve tempo possibile la possibilità di vitrificare gli ovociti prima di iniziare il trattamento per la malattia recentemente diagnosticata.

Le procedure da attuare in questo caso per preservare la fertilità sono diverse, alla ricerca del minor impatto ormonale e della massima rapidità nell’ottenere gli ovociti.

Preservazione della fertilitá femminile

Tra le alternative disponibili, la più raccomandata e scientificamente consolidata è la vitrificazione degli ovociti. Esiste già una grande esperienza con la vitrificazione degli ovociti e i risultati di gravidanza dopo il suo utilizzo, quando la donna può o desidera una gravidanza, sono quasi altrettanto soddisfacenti di quelli ottenuti con un trattamento di fecondazione in vitro senza aver precedentemente vitrificato gli ovociti. In fase di sviluppo sperimentale e con risultati promettenti, la porta è ora aperta alla crioconservazione del tessuto ovarico.

Preservazione della fertilitá maschile

Non dobbiamo nemmeno dimenticare che il congelamento seminale è stato utilizzato per decenni in casi come quelli che stiamo discutendo in riferimento agli ovociti, con risultati eccellenti.

Dobbiamo anche essere consapevoli che la vitrificazione degli ovociti non garantisce una successiva gravidanza. Stiamo preservando la “capacità fertile”. È chiaro a tutti che l’ovocita deve essere fecondato da uno spermatozoo per formare un embrione, e che questo embrione deve continuare il suo sviluppo e stabilire un collegamento adeguato nell’utero della donna per impiantarsi e quindi rimanere incinta. È importante saperlo per far sì che le aspettative di gravidanza corrispondano alla realtà.

In ogni caso, oggi che il concetto di preservazione della fertilità è presente nella pratica medica quotidiana e le tecniche a nostra disposizione offrono ottimi risultati, non dovremmo tardare a consultare un ginecologo specializzato in riproduzione assistita se abbiamo dei dubbi in merito, poiché le donne perdono naturalmente la riserva ovarica con il passare del tempo, ed è di buon senso pensare che prima prendiamo in considerazione la preservazione della fertilità, più possibilità di successo avremo in futuro.

All’Instituto Bernabeu vogliamo sostenere le pazienti che soffrono di qualsiasi situazione che possa richiedere la crioconservazione degli ovociti, soprattutto nei casi oncologici. Per questo motivo, disponiamo di un programma specifico che ci consente, in pochi giorni e in coordinamento con l’équipe medica della paziente, di realizzare lo studio e il trattamento necessari per vitrificare gli ovociti che potrebbero in seguito aiutare la donna guarita dal cancro a rimanere incinta.

Per questi casi, la Fondazione Rafael Bernabeu dispone di un programma specifico di trattamento gratuito.

Dott.ssa Cecilia Quetglas (n. di iscrizione 070848200), ginecologa presso l’Instituto Bernabeu

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19