Vaccinazione COVID, trattamento di fertilità e gravidanza. Instituto Bernabeu

L’Instituto Bernabeu è favorevole alla somministrazione dei vaccini Covid, e riteniamo che debbano essere raccomandati a tutta la popolazione in modo generalizzato, per quanto tecnicamente possibile. Tenendo sempre conto delle situazioni particolari di ogni caso e consigliando la massima prudenza.

L’obiettivo è quello di lottare contro la persistenza dell’attuale situazione di incertezza e dei suoi imprevedibili alti e bassi. Agire sulla progressione della malattia e ridurre gli effetti devastanti per la maggior parte delle attività professionali e le loro ripercussioni economiche insostenibili.

Linee guida governative

Nelle prossime settimane verranno stabilite, con ogni probabilità, linee guida governative su diversi aspetti importanti quali:

  1. Ordine di preferenza della vaccinazione nella popolazione.
  2. Aggiornamento delle informazioni riguardanti la sicurezza nelle donne in gravidanza e nei gruppi a rischio quali: età avanzata, immunosoppressione o coesistenza di malattie croniche e situazioni di salute particolari; da antecedenti o da singoli aspetti genetici.
  3. Grado di sicurezza nelle donazioni di sangue, cellule e tessuti di origine umana: trapianti di organi.
  4. Le informazioni verificate e indipendenti sui gradi di efficacia e sicurezza da confermare, tenendo conto che attualmente non ci sono altre alternative alle ben note misure di profilassi consigliate: distanza, mascherina, lavaggio frequente delle mani, ventilazione.
  5. I limiti organizzativi della campagna di vaccinazione secondo le strategie del SNS e dei centri privati ​​concertati, secondo le normative governative.
  6. La distribuzione geografica e il funzionamento delle infrastrutture sanitarie.

La nostra valutazione

Per tutti questi motivi, all’Instituto Bernabeu continuiamo a valutare continuamente la situazione e, in questo momento, raccomandiamo linee guida di azione per consigliare i nostri pazienti in modo chiaro e realistico.

Pertanto, e dopo l’imminente inizio delle vaccinazioni contro COVID -19, la posizione dell’Instituto Bernabeu sull’argomento è dettagliata in questi quattro punti:

  1. Parere favorevole alla Vaccinazione, previa approvazione delle Autorità Sanitarie.
  2. Come indicato nei primi vaccini somministrati, è necessario attendere due mesi dall’ultima dose per cercare la gravidanza, sia in pazienti con problemi riproduttivi che per qualsiasi donna che la cerca in maniera naturale. Nel frattempo, in pazienti con problemi di fertilità, è possibile avviare studi precedenti, stimolazione ovarica, fecondazione in vitro, biopsie embrionali e altre fasi del trattamento tranne il trasferimento dell’embrione.
  3. Per i pazienti che condividono la visione proattiva: vaccinare il prima possibile e seguire le raccomandazioni del punto precedente.
  4. Pazienti riluttanti alla vaccinazione: possono iniziare i Trattamenti di Riproduzione Assistita, dichiarando tale circostanza nel decorso clinico e applicando sempre le misure di prevenzione stabilite.

Siamo pronti a considerare sempre le sue preferenze e mantenere la nostra chiara determinazione a offrire le opzioni più sicure in ogni caso.

SITUAZIONE VACCINI ANTI COVID – 28 dicembre 2020

“New York Times Coronavirus Vaccine Tracker”, in data odierna ha enumerato una lista di 63 vaccini in fase di sperimentazione su umani e almeno 85 pre-vaccini su animali. In Spagna e in molti paesi europei è iniziato il processo di vaccinazione con il prodotto di Pfizer fabbricata da un consorzio cinese-tedesco-americano. Si tratta di un vaccino a RNA. Questa nuova tecnologia è già stata usata in precedenza con altri virus come la rabbia e lo Zika. Il vaccino codifica la proteina spike del SARS-COV-2

Il New England Journal of Medicine ha appena pubblicato i risultati di un test randomizzato in doppio cieco a cui hanno partecipato 43548 persone oltre i 16 anni sottoposti al vaccino o ad un farmaco ad effetto placebo in due dosi a distanza di 21 giorni. I controlli sono avvenuti durante i due mesi successivi. Il vaccino ha mostrato un certo grado di protezione 12 giorni dopo la 1º dose, 7 giorni dopo la 2º e un 95% di efficacia.

Ma vi sono ancora molte incognite:

  • Cosa succede 2 mesi dopo il vaccino
  • Se il vaccino protegge contro infezioni asintomatiche in persone non vaccinate e cosa succede se non viene somministrata la 2º dose.
  • La sua efficacia in caso di nuovi ceppi.
  • Cosa succede in altri gruppi di popolazione; donne incinte, bambini, persone immunodepresse

Raccomandazioni per la somministrazione del vaccino covid

L’Ordine Americano di allergia, asma e immonologia, in linea con il CDC raccomanda: (*1)

  1. I pazienti che mostrano una reazione allergica severa alla 1º dose non dovranno ricevere la 2º.
  2. Dovranno essere somministrate in ambienti ospedalieri dove poter prestare trattamento urgente in caso di reazione allergica. Il paziente vaccinato deve essere tenuto sotto osservazione per almeno 15-30 minuti.
  3. Nonostante non siano stati identificati componenti specifici del vaccino che possano causare anafilassi, il polietilenglicole è uno dei principali ingredienti e potrebbe causare potenziali reazioni avverse.
  4. Persone con allergie ad alimenti, al lattice e a farmaci abituali non dovrebbero presentare maggiori probabilità a soffrire reazioni allergiche.
  5. Il vaccino può essere somministrato a pazienti immunodepressi perché non contiene particelle virali vive.

Analisi della gravidanza e allattamento conforme alla scheda tecnica del vaccino Comirnaty (Pfizer/BioNtech)

La scheda tecnica del primo vaccino anti Covid-19 somministrato in Spagna, Comirnaty ©, in versione iniziale datata 21 dicembre 2020, non cita la gravidanza o l’allattamento materno nella sezione delle controindicazioni e dice solo quanto segue:

“Esiste un’esperienza limitata rispetto all’uso di Comirnaty in donne incinte. Gli studi su animali non indicano effetti nocivi diretti o indiretti rispetto alla gravidanza, sviluppo embrionale/fetale o sviluppo post-natale: la somministrazione di Comirnaty durante la gravidanza si deve considerare solo quando i benefici potenziali superano qualsiasi rischio potenziale per la madre e il feto”.

“Allattamento. Non si conosce se Comirnaty passa al latte materno”.

Per tanto, nonostante i limiti dei dati disponibili, vale a dire il fattore limitante delle raccomandazioni della scheda tecnica, si prevede la possibilità di considerare il vaccino in alcuni casi speciali di maggior rischio.

Valutazione della gravidanza e dell’allattamento delle associazioni scientifiche CAV (Comitato Consulente di Vaccini) e AEP (Associazione Spagnola di Pediatria)

ll CAV (Comitato Consulente di Vaccini) e AEP (Associazione Spagnola di Pediatria) (*2) (*3) hanno presentato un documento con raccomandazioni specifiche che si riassumono in tre punti:

  • In contesti con alta trasmissione comunitaria, valutare la possibilità di offrire il vaccino anti Covid a donne incinte con alto rischio di esposizione non evitabile ed elevato rischio di malattie gravi  (età avanzata, obesità, ipertensione o diabete pre-esistenti, o altro), fornendo le informazioni necessarie affinché la paziente decida se accettare il vaccino.
  • In caso di donne in età fertile che programmano una gravidanza, il criterio seguito fino ad ora di aspettare almeno un mese tra la somministrazione di un vaccino attenuato e l’inizio della gravidanza, può essere applicato a questo vaccino basandosi sul principio della prudenza.
  • Considerando l’importanza dell’allattamento materno e l’esperienza accumulata con altri vaccini inattivi: non interrompere l’allattamento materno in donne che ricevono il vaccino Comirnaty, e non posticipare il vaccino se consigliato a causa dell’elevato rischio della madre.

Riferimento bibliografico

(*1) .https://acaai.org/news/american-college-allergy-asthma-and-immunology-updates-guidance-risk-allergic-reactions-mrn

(*2) Asociaciones Españolas de Pediatría y de Vacunología y las Sociedades Españolas de Inmunología, Microbiología y de Virología manifiestan su apoyo y asesoramiento a la vacunación contra la covid-19.

(*3) Manifiesto a favor de la vacunación frente a SARS-CoV2 y documento de preguntas y respuestas sobre la vacuna de la Sociedad Española de Pediatría.

POTREBBERO INTERESARTI ANCHE:

Il Dr.Jordi Suñol e il Dr. Francisco Sellers. Ginecologi del comitato di monitoraggio Covid-19 dell’Instituto Bernabeu.

Potete effettuare una

Vaccinazione COVID, trattamento di fertilità e gravidanza
5 (100%) 1 vote