Foro Blog

Dolore mestruale, è normale?

Dolore mestruale, è normale?

Le mestruazioni fanno parte della vita delle donne e come tale dovrebbero permetterci di affrontare il resto delle nostre attività in modo normale. Tuttavia, in molti casi diventa una limitazione importante a causa del dolore che provoca e il trattamento è raccomandato.

Cosa sono le mestruazioni e il dolore mestruale?

Le mestruazioni sono un sanguinamento ciclico ogni 28-35 giorni, che risulta dalla desquamazione dell’endometrio – il tessuto che riveste la cavità dell’utero – dopo un ciclo ovulatorio in cui non si è verificata la gravidanza.

Il 50-90% delle donne in tutto il mondo soffre o ha sofferto di dolori associati alle mestruazioni o alla dismenorrea, essendo una delle principali cause di assenteismo dal lavoro e dalla scuola e causando gravi danni alla produttività annuale. Tuttavia, solo il 15% circa di queste donne si consulta per questo motivo.

Il dolore mestruale è crampiforme, percepito come “crampi” o dolori lancinanti nell’addome inferiore o nella parte bassa della schiena.

Possibili fattori di rischio per il dolore mestruale sono l’adolescenza e la giovane età, il fumo e lo stress, nonché un’apparente predisposizione familiare. Al contrario, le gravidanze e la giovane età al momento del primo figlio, così come l’uso di contraccettivi ormonali, sono considerati protettivi.

Cosa causa la dismenorrea o periodi mestruali dolorosi?

A seconda della sua origine, la dismenorrea può essere:

  • Primaria, quando non si osserva alcuna patologia o alterazione organica che la giustifichi. Si ritiene che sia dovuto ad un eccesso di contrazioni uterine, derivato da uno squilibrio nella produzione locale dei fattori regolatori del muscolo uterino: le prostaglandine F2 alfa e le prostaglandine E2. Questi fattori stimolano anche il tratto gastrointestinale, che può causare nausea, vomito o diarrea.
  • Secondaria o organica, quando è presente una malattia sottostante o un’anomalia anatomica.
  • Malformazioni del tratto genitale, come stenosi cervicale, setto vaginale o imene imperforato, condizionano una totale difficoltà o impossibilità per l’uscita delle mestruazioni, provocando dolore e persino superinfezioni. Di solito viene diagnosticato nell’adolescenza quando iniziano i primi periodi. La stenosi della cervice, sebbene rara, può verificarsi anche dopo interventi chirurgici come la conizzazione cervicale, che può condizionare la chiusura del canale cervicale a causa di cicatrici anormali.
  • Malattia infiammatoria pelvica: è un’infezione che colpisce l’utero, le tube di Falloppio e anche le ovaie, i cui principali agenti sono la Chlamydia e il Gonococco, a trasmissione sessuale, che nei casi più gravi può lasciare sequele come aderenze e ascessi e condizione il dolore con periodi, con rapporti sessuali o dolore pelvico cronico.
  • Endometriosi: è una malattia cronica derivata dallo sviluppo di tessuti simili all’endometrio al di fuori della cavità dell’utero. Il dolore prodotto dall’endometriosi normalmente non ha un esordio brusco nell’adolescenza, ma anzi peggiora nel tempo e può essere ciclico, con mestruazioni e ovulazione, o continuo.
  • Adenomiosi: simile all’endometriosi, il tessuto simile all’endometrio si infiltra nel muscolo che costituisce le pareti uterine, aumentandone le dimensioni, producendo un’alterazione della sua normale contrattilità e condizionando mestruazioni abbondanti e dolorose.
  • Fibromi o miomi uterini: si tratta di tumori benigni del muscolo uterino, spesso asintomatici, ma che a volte possono causare emorragie pesanti e dolorose così come adenomiosi.

Quando dovrei consultare il ginecologo per il dolore mestruale?

Ogni volta che il dolore mestruale ha un impatto sulla qualità della vita, dovrebbe essere valutato in consultazione da uno specialista.

Al contrario, si dovrebbe andare al pronto soccorso in presenza di dolore acuto molto intenso, che non migliora con un’analgesia regolare, soprattutto se accompagnato da menorragia (sanguinamento mestruale abbondante, con coaguli) o metrorragia (sanguinamento che non corrisponde al ciclo). In questi casi, devono essere escluse altre cause come l’aborto o la gravidanza ectopica. 

Come viene studiato il dolore mestruale grave?

La maggior parte delle dismenorrea sono primarie, quindi quando il dolore è lieve-moderato il primo approccio può essere empirico, migliorando lo stile di vita e aggiungendo una terapia analgesica.

Nei casi in cui non ci sia miglioramento con queste misure iniziali, o quando il dolore è intenso, non è limitato alle mestruazioni o è accompagnato da altri sintomi come forti emorragie o vertigini o disturbi intestinali, dovrebbe essere avviato uno studio ginecologico. Questo inizia con la storia medica, l’esplorazione fisica ginecologica e l’ecografia transvaginale. In alcune occasioni, sono necessari ulteriori studi come la risonanza magnetica pelvica (più utile in questi casi rispetto alla tomografia o alla TC) o anche la laparoscopia per valutare direttamente la cavità addomino-pelvica.

Cosa posso fare per alleviare i dolori mestruali o del ciclo?

  • Abitudini di vita: è stato dimostrato che l’esercizio fisico regolare migliora il dolore mestruale. Inoltre, l’applicazione del calore secco locale all’addome inferiore sembra avere un’efficacia simile all’ibuprofene nel trattamento del dolore.
  • Analgesici orali: sono normalmente la prima linea di trattamento farmacologico, soprattutto farmaci antinfiammatori non steroidei come ibuprofene, dexketoprofene … che inibiscono la produzione di prostaglandine e sono quindi molto utili nella dismenorrea primaria. Sempre sotto prescrizione medica, poiché non sono esenti da effetti collaterali.
  • Metodi contraccettivi ormonali: bloccano l’ovulazione e la sintesi delle prostaglandine, riducono il flusso mestruale e talvolta mi permettono di distanziare o sopprimere le mestruazioni. Oggi ci sono molte alternative oltre alla pillola convenzionale. Il suo ginecologo studierà il suo caso per consigliarle quello più adatto al suo caso.
  • Elettrostimolazione transcutanea (TENS). Sembra esserci qualche evidenza scientifica a favore della stimolazione percutanea ad alta frequenza, settimanale per almeno 12 settimane, come trattamento aggiuntivo e di seconda linea per la dismenorrea grave.
  • Chirurgia: nei casi di dismenorrea secondaria grave che non migliora con il trattamento medico, può essere necessario un intervento chirurgico a seconda della malattia sottostante.

Terapie alternative: non hanno dimostrato scientificamente di essere efficaci, quindi sono considerate in ogni caso complementari. Sono stati proposti composti naturali come zenzero, olio di enotera e olio di pesce, integratori di vitamina D3, B1 e B6, dieta vegetariana, terapia comportamentale, ipnosi e agopuntura.

POTREBBERO INTERESARTI ANCHE:

Dra. Esperanza de la Torre, ginecologo presso Instituto Bernabeu

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19