Foro Blog

Tipi di test diagnostici per rilevare il coronavirus SARS-CoV-2 (COVID-19)

Tipi di test diagnostici per rilevare il coronavirus SARS-CoV-2 (COVID-19)

Nel dicembre 2019, un nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) è stato identificato a Wuhan (Cina) come il microrganismo responsabile della comparsa nell’uomo di una polmonite grave e in alcuni casi letale, con trasmissione da persona a persona attraverso piccole gocce di saliva. A causa di questa via di trasmissione e dell’alta capacità infettiva del virus, e tenendo conto che viviamo in un mondo globalizzato dove c’è una grande mobilità di persone da un continente all’altro, l’infezione si è diffusa rapidamente in tutti i continenti, al punto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato Covid-19 un’emergenza sanitaria pubblica internazionale.

Oggi, grazie all’enorme quantità di informazioni fornite dai media e dai social network, le informazioni sul virus, sui sintomi che provoca e sulle possibili complicazioni dell’infezione sono note alla maggior parte della popolazione.

In sintesi, dopo un’esposizione a rischio, il virus può essere rilevato nella mucosa nasale e faringea dopo 5-7 giorni. La carica virale, cioè la quantità di virus presente, aumenta nel corso dei giorni. Dopo il periodo di incubazione compaiono i primi sintomi, che possono essere più o meno gravi, a seconda della fascia d’età e delle malattie associate di ogni individuo. Dopo 6-7 giorni dalla comparsa dei sintomi, il nostro sistema immunitario inizia a cercare di proteggere il nostro corpo generando i cosiddetti anticorpi che sono in grado di neutralizzare il virus. I primi a comparire sono gli anticorpi di tipo IgM e successivamente compaiono gli anticorpi IgG che, se il nostro sistema di difesa ha risposto adeguatamente, rimarranno positivi come promemoria dell’infezione passata (chiamata anche immunità acquisita) per un tempo ancora da determinare.

A seconda dell’evoluzione naturale dell’infezione, i test da effettuare saranno diversi a seconda di quando vogliamo determinarli. Fondamentalmente ce ne sono due tipi:

1-. Quelli che rilevano qualche componente del virus: PCR e antigene virale.

2-. Quelli che rilevano la presenza di anticorpi: i test veloci.

Adesso commenteremo brevemente in cosa consiste ognuno di essi:

PCR

Si tratta di una tecnica utilizzata nei laboratori di biologia molecolare e quindi richiede personale e materiale specializzato. La presenza del materiale genetico del virus viene rilevata in un essudato rinofaringeo. È il test diagnostico di scelta, soprattutto perché è in grado di rilevare l’infezione all’inizio con un’elevata sensibilità e specificità, cioè in modo affidabile.

Antigene virale

Si riferisce a un test rapido (risultati in 15-20 minuti) che viene determinato nell’essudato rinofaringeo e che rileva una proteina dalla superficie del virus. In passato, questi test avevano dimostrato di avere una sensibilità e una specificità molto basse durante la prima ondata della pandemia, quindi sono stati interrotti.

Ma al momento, ci sono diversi laboratori che sono riusciti a ottenere sensibilità e specificità superiori al 95% per questi test rapidi, soprattutto in quei pazienti che mostrano sintomi. In questi casi, un risultato positivo indica con un’alta probabilità un’infezione da SARS-CoV-2. In pazienti asintomatici, si raccomanda che qualsiasi risultato negativo sia confermato dalla PCR, soprattutto quando il sospetto di possibile infezione è alto, poiché quest’ultima tecnica è in grado di rilevare un’infezione da SARS-CoV-2 quando la carica virale è ancora bassa.

Anticorpi IgM e IgG

Attualmente, i test anticorpali sono eseguiti da test immunoenzimatici automatizzati o da test rapidi, questi ultimi sono meno sensibili e poco o per nulla utilizzati nei laboratori diagnostici o analitici. Questi test vengono eseguiti sul sangue (puntura del dito) e saranno in grado di differenziare entrambi i tipi di anticorpi. È importante eseguirli al momento giusto, perché se il nostro sistema di difesa non li ha ancora prodotti, ovviamente non saremo in grado di rilevarli. Un risultato positivo per l’IgM indicherebbe un’infezione attiva, cioè la malattia. Tuttavia, se l’IgM è negativo ma presentiamo un IgG positivo, avremo già superato la malattia e questi anticorpi IgG rimarranno positivi per un certo tempo ancora da stabilire, proteggendoci da un’altra possibile infezione, anche se dobbiamo dire che si tratta di una questione controversa che non è stata ancora adeguatamente dimostrata.

La dottoressa Ana Fabregat, farmacista dell’Instituto Bernabeu.

MAGGIORI INFORMAZIONI SUL COVID, E SULLE NOSTRE MISURE DI RILEVAMENTO E PROTEZIONE NEL SEGUENTE LINK

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19