Il transfer embrionario. Tutto ciò che deve sapere - Instituto Bernabeu

Il trasferimento di embrioni è il punto culminante di vari trattamenti di riproduzione assistita, tra cui la fecondazione in vitro, la donazione di ovociti, l’adozione di embrioni, l’uso di embrioni crioconservati, ecc.

Anche se tecnicamente non è la fase più complessa del trattamento sì che è indispensabile un’attenta tecnica per depositare l’embrione delicatamente nell’utero materno. Un errore porterà al fallimento totale del trattamento.

Come viene effettuato il trasferimento degli embrioni?

Consiste nel trasferire l’embrione dal laboratorio al luogo finale per il suo sviluppo, l’utero della futura madre.

La procedura di per sè è semplice, quasi come un controllo ginecologico di routine. Non è doloroso né è necessaria l’anestesia. A volte e in base alla posizione dell’utero, le verrà chiesto di venire con una vescica moderatamente piena per favorire la visione ecoguidata della cannula di trasferimento. Non è necessario venire a stomaco vuoto. Nella stessa posizione di quando facciamo una visita ginecologica, posizioneremo lo speculum per vedere la cervice e rimuovere le secrezioni vaginali e cervicali e le tracce di farmaci intravaginali.

Il biologo ci porterà gli embrioni che abbiamo precedentemente deciso di trasferire in una cannula di trasferimento, che è un tubino di plastica molto sottile e flessibile. Con grande cura risaliremo attraverso il canale cervicale fino a raggiungere la cavità endometriale, dove depositeremo il terreno di coltura in cui viene trasportato l’embrione. Tutto questo procedimento viene eseguito sotto controllo ecografico per assicurarsi che  ci si ubichi nella zona più adatta della cavità uterina.

Si consigliano alcuni minuti di riposo per la serenità della paziente, dopodiché sarà consentito di riprendere le attività quotidiane, evitando sforzi inutili. Dopodiché, possiamo continuare a condurre una vita normale.

Poiché si tratta di un passaggio carico di emozioni, all’Instituto Bernabeu invitiamo il partner ad accompagnare la paziente durante tutta lo svolgimento del transfert.

Quando dovrebbe essere eseguito il trasferimento dell’embrione?

La tempistica del trasferimento dipende da diversi fattori, i più rilevanti dei quali sono

Di solito si trasferisce al quinto giorno dello sviluppo embrionale, anche se può avvenire prima o anche dopo, a seconda del numero e del tipo di embrioni, nonché del trattamento che la paziente riceve per preparare l’endometrio.

Questo è valido sia per il trasferimento in fresco che per il trasferimento di embrioni congelati.

Nel caso del ciclo naturale, il trasferimento è sincronizzato con il momento ovulatorio. Ad esempio, se l’embrione è stato congelato in 5ª giornata (blastocisti), il trasferimento viene eseguito il 5 ° giorno dopo l’ovulazione.

Quanti embrioni devono essere trasferiti?

Sebbene legalmente in Spagna il numero di embrioni che possono essere trasferiti sia un massimo di 3, all’Instituto Bernabeu sono limitati a due, essendo comunque la stragrande maggioranza dei trasferimenti quella di un singolo embrione. Personalizzando ogni singolo caso in base all’età, al numero di figli precedenti, alla patologia uterina, alla qualità dell’embrione, ecc.

Il numero di embrioni da trasferire è importante per il raggiungimento della gravidanza, ma la cosa più importante non è il numero, ma la loro qualità. Il trasferimento di un singolo embrione di alta qualità nella fase di blastocisti, cioè tra il 5 ° e il 6 ° giorno di coltura, può darci più successo rispetto al trasferimento di tre embrioni in terza giornata.

L’alto grado di miglioramento dei laboratori di riproduzione assistita delle cliniche di alto livello ha notevolmente migliorato la percentuale di successo. Questo facilita il trasferimento di un singolo embrione per evitare gestazioni gemellari e i rischi che comportano per la salute della madre e del futuro bambino. Tra questi ci sono la pre-eclampsia, complicazioni del parto, nascite premature e di basso peso, diabete gestazionale, emorragie, ecc. (Ulteriori informazioni su come evitare le gestazioni multipli).

Nella decisione finale sul numero di embrioni da trasferire, si tiene conto del desiderio della paziente, dopo averla accuratamente informato dei possibili rischi e benefici di entrambe le opzioni.

Quando attecchisce l’embrione trasferito?

Il transfer embrionario. Tutto ciò che deve sapere - Instituto Bernabeu

Non si deve confondere il transfer di embrioni con l’impianto di embrioni, termini spesso usati per lo stesso concetto. L’impianto dell’embrione è il processo attraverso il quale l’embrione che è stato trasferito, riesce a continuare la sua evoluzione e ad annidarsi nell’utero della futura madre. L’impianto è un processo dinamico e continuo, cioè non c’è un solo momento in cui si annida, ma piuttosto viene dispiegato un programma di interazione embrio-materna, che non si ferma fino al momento del parto. (Ulteriori informazioni sulla finestra di impianto). 

Ci sono sintomi dopo il transfer che possano far presagire una gravidanza?

Spesso la paziente manifesta sintomi propri alla gravidanza (nausea, sonnolenza, distensione addominale e mammaria, ecc.) i quali sono dovuti ai farmaci che ha preso, -in quanto promuovono uno stato progestinico-, e sono sintomi che non hanno validità. Il modo più veloce ed affidabile per sapere se c’è stata una gravidanza è l’individuazione della BHCG nel sangue.

D’altra parte, a volte si possono presentare leggere macchie, che non devono essere confuse con le mestruazioni. Al contrario, non è assolutamente un presagio negativo, è dovuto al sanguinamento dell’impianto.

Verso un transfer di embrioni positivo

A prima vista, il transfert di embrioni sembra essere il processo più veloce e più semplice dell’intero processo di fecondazione in vitro (IVF). Tuttavia, è un momento critico dell’intero corso del trattamento. L’aver superato gli ostacoli precedenti non serve a nulla se il trasferimento non viene eseguito correttamente. Ciò può verificarsi se trascorre troppo tempo tra la rimozione dell’embrione dall’incubatore e il deposito nell’utero o se il passaggio alla cavità uterina si complica per anomalie nell’anatomia della cervice, dal passaggio stretto o da malposizioni dell’utero.

Ovviamente, eseguire un corretto trasferimento di embrioni richiede anche destrezza, abilità ed esperienza. Particolare attenzione deve essere posta all’ambiente in cui deve essere effettuato il trasferimento.

Tutti i trasferimenti embrionali all’Instituto Bernabeu sono realizzati da medici ed embriologi con una vasta esperienza.

Lo stato emotivo del paziente gioca un ruolo non meno importante in questo processo. Offriamo per questo ulteriori tecniche di rilassamento: massaggi e agopuntura, tra gli altri..

Tenendo conto di tutti questi fattori, possiamo garantire le migliori possibilità di successo.

POTREBBE INTERESSARLE ANCHE

Potete effettuare una

Rate this post