I Parametri sulla Qualità Seminale secondo l`Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) Instituto Bernabeu

L’analisi convenzionale della qualità del seme, o spermiogramma, è lo strumento di routine di base che fornisce informazioni sul potenziale riproduttivo dell’uomo ed è molto utile quando si indicano trattamenti personalizzati per la coppia .

La necessità di delimitare sempre più le caratteristiche seminali, sia del maschio fertile che infertile, ha portato alla pubblicazione delle successive edizioni del “Manuale per l’esame e il trattamento del seme umano”, pubblicato dall’Organizzazione mondiale della salute (OMS). quella del 2010 (5a ed.) in vigore. Questo manuale funge da guida nei laboratori di Andrologia, standardizzando il metodo di valutazione della qualità seminale.

PARAMETRI SEMINALI (OMS 2010)

Ci sono molti parametri da tenere in considerazione in un seminogramma, che possono essere suddivisi in quelli che possono essere valutati ad occhio nudo (macroscopici) e quelli che no (microscopici). Successivamente, mostriamo i requisiti che un campione seminale deve soddisfare per essere classificato come normale (Normozoospermia):

MACROSCOPICI

Liquefazione:

Dopo l’eiaculazione, lo sperma presenta uno stato coagulato e ha bisogno di liquefare per procedere con il suo studio. Un campione di sperma si liquefa completamente in circa 15-20 minuti a temperatura ambiente. Se dopo 60 minuti il ​​campione non ha completato la liquefazione, può essere sottoposto a liquefazione meccanica per analizzare il resto dei parametri.

Viscosità

Si riferisce alla fluidità dell’intero campione, che può essere normale o elevata. I metodi per diminuirla sono gli stessi della liquefazione. Se il campione ha un’elevata viscosità, potrebbe essere dovuto a una disfunzione della prostata.

Volume

Il volume normale di un eiaculato, dopo 3-5 giorni di astinenza sessuale, è compreso tra 1,5 e 6 ml. Un volume più basso è chiamato Ipospermia, mentre un volume più alto è chiamato Iperspermia. L’assenza di sperma è classificata come Aspermia.

Colore

Teratozoospermia e infertilità maschile - Instituto Bernabeu

Il colore usuale dello sperma è bianco opalescente, leggermente giallastro. Nei casi in cui il colore è alterato, è conveniente studiarne le possibili cause. Un esempio di alterazione potrebbe essere la presenza di globuli rossi nel campione seminale (ematospermia) .

pH

Il valore deve essere superiore a 7.1. Valori più bassi degli stessi e una bassa concentrazione di spermatozoi potrebbero indicare una disgenesia dei vasi efferenti, cioè un’ostruzione dei dotti eiaculatori Il valore deve essere superiore a 7.1. Valori più bassi degli stessi e una bassa concentrazione di spermatozoi potrebbero indicare una disgenesia dei vasi efferenti, cioè un’ostruzione dei dotti eiaculatori .

Concentrazione

Il valore normale è di 15 milioni di spermatozoi per ogni millilitro di volume di eiaculato o 39 milioni per l’intero campione. Se questi valori non venissero raggiunti parleremmo di Oligozoospermia e nei casi più gravi di Cryptozoospermia (<100.000 spermatozoi / mL).

Motilità

Viene valutata la percentuale di spermatozoi mobili e progressivi (mobili che si muovono). Quelli mobili progressivi devono superare il 32%, altrimenti si chiama Asthenozoospermia.

Vitalità

La percentuale di spermatozoi vivi deve superare il 58%. Se fosse più basso parleremmo di Necrozoospermia.

Leucociti

Se la concentrazione di leucociti è maggiore di 1 milione per mL di campione (leucospermia) può indicare un’infezione genito-urinaria.

Morfologia

In uno spermiogramma normale ci dovrebbero essere il 4% o più di spermatozoi normali. Se è inferiore a questo valore si chiama Teratozoospermia.

Anticorpi antiespermatozoi o Mar test

Riflette il numero di spermatozoi uiti ad altre cellule o particelle. Se più del 50% degli spermatozoi si trovano uniti, potrebbe riflettere un problema immunitario.

VALUTAZIONI COMPLEMENTARI:

Tuttavia, ci sono altri strumenti aggiuntivi in ​​grado di migliorare le informazioni ottenute attraverso il seminogramma convenzionale. Mediante diverse tecniche molecolari possiamo conoscere la competenza funzionale e le caratteristiche genetiche della popolazione di spermatozoi, così come la valutazione della frammentazione del DNA spermatico (TUNEL) e l’ibridazione in situ fluorescente (FISH).

Riferimenti bibliografici

  • World Health Organization. “WHO Laboratory Manual for the examination and processing of human semen” Cambridge: Cambridge University. fifth Edition (2010).

ALTRE INFORMAZIONI CORRELATE:

Potete effettuare una

Rate this post