Congelazione di embrioni. Crioconservazione

Il congelamento di embrioni mediante vetrificazione ci permette di criopreservarli in condizioni ottimali per poterli utilizzare in trasferimenti futuri e ottenere una gravidanza.

Perché congelare gli embrioni?

Il congelamento degli embrioni, è una tecnica con lo scopo di preservare l'esito del trattamento in vitro embrioni fecondazione sia perché una volta che il trasferimento di embrioni in eccedenza hanno buona qualità o perché per vari motivi necessario o opportuno per effettuare il successivo trasferimento.

Il congelamento degli embrioni consente di ottimizzare il trattamento aumentando il tasso di gravidanza per iniezione con un singolo ciclo di stimolazione ovarica può trasferire embrioni in più di una occasione, e contribuire a ridurre la gravidanza multipla, nella misura in cui la disponibilità di congelare embrioni facilita la decisione di trasferire un numero inferiore di embrioni.

Come vengono congelati gli embrioni?

Per criopreservare gli embrioni è necessario sottomettere a temperature molto basse utilizzando l'azoto liquido, raggiungendo temperature di circa -196ºC. A queste temperature qualsiasi attività biologica si arresta, mantenendo intatta la loro fisiologia. Tuttavia, durante il congelamento si possono formare cristalli di ghiaccio che possono danneggiare le cellule. Per prevenire e conservare campioni indefinitamente crioprotettori, che sono sostanze che agiscono nello stesso modo di antigelo utilizzato. Questi embrioni vengono correttamente identificati da un codice e conservati congelati in serbatoi di azoto registrando la loro posizione per una facile ricerca.

Cos’è la vetrificazione embrionaria?

La vetrificazione è la tecnica di congelamento rapido basata sull'uso di concentrazioni molto elevate di tassi di raffreddamento crioprotettori e estremamente elevate che evitano la formazione di cristalli di ghiaccio. La sua costituzione, come una tecnica di routine nei laboratori ha contribuito notevolmente al miglioramento dei risultati rispetto ad altre tecniche tradizionalmente impiegate, consentendo tassi di sopravvivenza raggiungendo il 90%.

Che differenze c’è tra il trasferimento di embrioni freschi o congelati?

Anche se i risultati ottenuti con il trasferimento di embrioni congelati sono leggermente inferiori a quelli ottenuti con embrioni freschi, queste differenze stanno diminuendo grazie ai progressi nelle tecniche di congelamento. Inoltre, il congelamento degli embrioni non è associato ad un aumentato rischio dimalformazioni o di complicazioni” della gravidanza, rispetto alla popolazione in generale.

Come viene programmato un trattamento attraverso la crioconservazione “CT”?

Il trattamento con gli embrioni congelati è semplice, comodo e conveniente. Non è necessario sottomettersi ad iniezioni giornaliere né a numerosi controlli ecografici. Non è nemmeno necessario sottomettersi a procedimenti anestetici e gli effetti secondari sono inesistenti nella maggior parte dei casi, perché i livelli ormonali durante la preparazione sono molto simili a quelli in un ciclo normale.

La base del trattamento è la preparazione dell'utero per renderlo più ricettivo per il momento della scongelazione e trasferimento degli embrioni criopreservati. Consiste nella somministrazione di cerotti o pastiglie durante un periodo di circa due settimane prima del trasferimento embrionario.

La preparazione inizia con la mestruazione, si realizza un’ecografia di controllo dieci giorni dopo circa per confermare che l'utero presenta le condizioni adeguate, e si programma la scongelazione e il posteriore trasferimento embrionario.

Una volta programmato il trasferimento, la paziente inizia l'assunzione di progesterone via vaginale tra 3 e 5 giorni prima della data prevista per la scongelazione. La tecnica per il trasferimento embrionario è la stessa usata per gli embrioni freschi, senza misure addizionali. Le raccomandazioni e i consigli per i giorni seguenti sono le stesse, continuare con il trattamento (cerotti e/o pastiglie e ovuli vaginali) almeno fino alla realizzazione del test di gravidanza.

Ricapitolando possiamo affermare che la preparazione è molto semplice: cerotti e/o pastiglie durante qualche giorno, ecografia di controllo programmando l’inizio dell'amministrazione di progesterone e trasferimento embrionario.

 

Quali sono le possibilità di successo per ottenere la gravidanza?

Negli ultimi anni con l'introduzione delle tecniche di vetrificazione le percentuali di sopravvivenza embrionaria e di gravidanza sono considerevolmente migliorate superando le migliori previsioni.

Bisogna tener presente che le possibilità di rimanere incinta con la fertilizzazione in Vitro variano considerevolmente in funzione del tipo di trattamento e delle caratteristiche della coppia (età, cause di sterilità, ecc.) per questo le percentuali di successo devono essere individualizzate caso per caso.

La probabilità di successo è leggermente inferiore a quella ottenuta con embrioni freschi ma è necessario considerare che si tratta di uno sforzo minimo per quel che riguarda un complesso e costoso trattamento.

Una volta in cinta, bisogna seguirla con particolari attenzioni? Esistono dei rischi?

I dati che sono stati raccolti delle gravidanze e dei bambini nati dopo i trattamenti con embrioni congelati non hanno riportato nessuna differenza rispetto agli embrioni trasferiti senza sottoporsi previamente una criopreservazione.

Pertanto l'evidenza scientifica è totalmente tranquillizzante per la realizzazione di questo trattamento.

Le è sembrato interessante? SI No

Contatto Instituto Bernabeu

Iscriversi alla Newsletter dell'IB

Facebook Twitter Youtube

Appt.

Contatto

Online

Desiedera ricevere un nostro consiglio?

Richieda appuntamento nel nostro centro

Dati dell'appuntamento

La ringraziamo per il suo interesse. A breve ci metteremo in contatto con lei per confermare la sua richiesta

Se lo preferische può chiamarci

+34 965 50 40 00

Bebé Instituto Bernabeu