Domande frequenti

La donazione di ovuli è dolorosa?

Le complicazioni sono poco frequenti ed eventualmente si manifestano con leggeri disturbi simili a quelli di una mestruazione.  Nell’Instituto Bernabeu, la donatrice di ovuli viene trattata con la cautela e la professionalità che richiede qualsiasi altro paziente, tenendo presente l’importanza della donazione.

Conforme indica la SEF (Società Spagnola di Fertilità) 

https://www.sefertilidad.net/docs/biblioteca/guiasPracticaClinicas/guia20.pdf  le donatrici non dovrebbero correre nessun rischio durante la donazione e le complicazioni, ad eccezioni di lievi disturbi addominali, sono alquanto rare”.

In seguito, indichiamo alcune informazioni su possibili rischi:

  • Associati alla stimolazione:
    • L’esistenza di una sindrome da iperstimolazione ovarica è a basso rischio. Fortunatamente, l’incidenza della OHSS (Sindrome da Iperstimolazione Ovarica) secondo la SEF varia tra lo 0,6% e il 10% dei trattamenti di stimolazione ovarica. La sindrome da iperstimolazione ovarica grave si verifica nello 0,5-2% dei cicli di fecondazione in vitro.
    • “Disturbi addominali. È possibile assumere analgesici durante la stimolazione e dopo il prelievo degli ovuli. Solitamente scompaiono 24-48 ore dopo il prelievo”.
  • Associati al prelievo degli ovuli:
    • “Emorragia post-puntura: non si manifesta con frequenza e, ad ogni modo, è sempre poco intensa e di breve durata (…)
    • Complicazioni estremamente infrequenti, ma che dobbiamo considerare in casi speciali: torsione ovarica, lacerazioni intestinali, sanguinamento abbondante per perforazioni di grandi vasi sanguigni.”.
  • Associati all’anestesia: “Allergie ad alcuni componenti dell’anestesia, rischio di aspirazione”.

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19