genitales-masculinos-768x1024La teratozoospermia consiste nell’aumento della percentuale di spermatozoi anormali in un campione di liquido seminale e si determina mediante un spermiogramma o analisi seminale.

Stando ai criteri della 5ª edizione del manuale dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) (2010) un uomo è affetto da teratozoospermia quando nella eiaculazione vi sono meno del 4% di spermatozoi normali .

I difetti spermici si classificano in base alla posizione della testa, tratti intermedio e coda.  In uno spermatozoo normale la testa deve essere perfettamente ovale, deve avere una sola coda lunga e completamente libera (non attorcigliata) e un tratto intermedio ben differenziato e leggermente più grosso della coda.

La teratozoospermia è una delle cause di infertilità perché la maggior parte degli spermatozoi anormali non sono in grado di penetrare nell’ovulo. Le cause non si conoscono con esattezza, ma si sa che la qualità spermica può essere alterata a causa di vari fattori, tra cui:

  • Problemi testicolari:
  • Fumo e consumo eccessivo di alcolici, cocaina e marijuana
  • Varicocele
  • Alimentazione inadeguata
  • Vasectomia
  • Diabete mellitus
  • Episodi febbrili
  • Chemioterapia e radioterapia
  • Abitudini inadeguate che causano l’aumento della temperatura testicolare (sauna, abbigliamento stretto, ecc…)

In base al grado di teratozoospermia si possono valutare diversi trattamenti per ottenere una gravidanza, anche se il più adeguato è il cosiddetto ICSI (microiniezione intracitoplasmatica di spermatozoi), che permette di selezionare gli spermatozoi con una miglior morfologia e inserirli negli ovuli mediante microiniezione con microago o micro tubetto.

icsi-e1319802050759

Esistono diversi metodi che permettono di migliorare la qualità seminale. Tra i più importanti troviamo le abitudini alimentari e alcuni prodotti ricchi di aminoacidi essenziali come la L-carnitina e antiossidanti che, abbinati ad una vita sana, contribuiscono a migliorare la qualità spermica.

Rate this post