Menopausa - Instituto Bernabeu

Cos’è la menopausa e a che età si manifesta?

La menopausa è definita come la cessazione definitiva delle mestruazioni. La sua diagnosi è normalmente clinica, ritenendosi consolidata quando le mestruazioni scompaiono per almeno un anno; anche se a volte ha bisogno di essere confermata da un’analisi ormonale.

In Spagna, l’età media alla quale le donne entrano in menopausa è di 51,4 anni. Tuttavia, questo può variare in modo normale, a seconda principalmente di fattori genetici e ambientali, come l’esposizione a tossine (tabacco, trattamenti come la chemioterapia), malattie che colpiscono l’ovaio come l’endometriosi o interventi chirurgici che condizionano la perdita di tessuto ovarico.

Nell’1-4% delle donne, l’attività ovarica si interrompe prima dei 40 anni, essendo considerata menopausa precoce, attualmente chiamata insufficienza ovarica prematura (PFO) o insufficienza ovarica prematura (POI). In questi casi è fondamentale la valutazione medica e, in molti casi, la terapia sostitutiva con gli estrogeni, il principale ormone normalmente prodotto dall’ovaio.

Quali sono le fasi della menopausa?

Possiamo distinguere 3 fasi o periodi intorno alla menopausa:

  1. Perimenopausa o transizione menopausale: È un periodo della vita della donna, di durata variabile (mediamente dai 2 ai 5 anni), che inizia con i primi sintomi, principalmente disturbi mestruali, e termina l’anno successivo all’ultima mestruazione.
  2. Menopausa: è l’ultimo periodo mestruale della vita di una donna.
  3. Post-menopausa: fase post-menopausale, in cui si stabiliscono adattamenti ormonali e metabolici alla carenza di estrogeni prima della quale devono essere stabilite strategie preventive per controllare l’osteoporosi e l’aumento del rischio cardiovascolare.

Cause e sintomi della menopausa

La menopausa è tra i 45 ed i 55 anni un processo normale o fisiologico nella vita di una donna, conseguenza della fine dell’attività ovarica che implica una diminuzione della produzione di estrogeni. Questo ormone ha molteplici funzioni a diversi livelli ed è il suo deficit che causa i sintomi di questo periodo.

Una migliore conoscenza dei cambiamenti attesi in questa fase ci aiuterà a viverla appieno e ad avviare strategie preventive quando necessario. Inoltre, dobbiamo sapere che fino al 15% delle donne non presenterà alcun sintomo.

Primi sintomi della menopausa

  • Irregolarità dei cicli mestruali: È il sintomo più caratteristico e può manifestarsi fino a 10 anni prima della menopausa: accorciamento o prolungamento della durata del ciclo, protuberanze senza mestruazioni per alcuni mesi, marcata diminuzione o aumento del flusso mestruale, ecc.
  •  Sintomi vasomotori: vampate di calore, sudorazione notturna, brividi, cefalea o mal di testa … La sua intensità, frequenza e durata possono essere variabili, normalmente possono durare tra i 6 mesi ei due anni intorno al periodo della menopausa, a volte occasionalmente e nel 20% delle donne, alterandone la qualità della vita.
  • Cambiamenti metabolici e distribuzione del grasso: metabolismo più lento, è più difficile perdere peso e c’è la tendenza ad aumentare di peso e grasso addominale.
  • Sintomi psicologici: insonnia, irritabilità, sbalzi d’umore, disturbi dell’umore, apatia, diminuzione della libido, diminuzione della concentrazione e della memoria … La maggior parte di loro lievi e transitori, ma a volte richiedono un trattamento.

Sintomi e segnali di medio-lungo termine

  • Atrofia urogenitale: assottigliamento e retrazione della mucosa genitale e vaginale in risposta alla carenza di estrogeni, che può portare a secchezza e disagio nei rapporti sessuali, prurito o bruciore o contribuire alla comparsa di incontinenza urinaria quando ci sono fattori di rischio aggiunti.
  • Assottigliamento e perdita di elasticità della pelle, perdita di densità capillare, diminuzione del tessuto mammario e sostituzione del grasso.

Complicazioni della menopausa

Il suo sviluppo dipende fondamentalmente da fattori genetici e abitudini di vita.

  • Osteoporosi: Consiste nella perdita di massa ossea derivante da un deficit nell’assorbimento del calcio nell’osso. Comporta un aumentato rischio di fratture, soprattutto dell’anca e delle vertebre.
  • Aumento del rischio cardiovascolare: gli estrogeni proteggono le donne dallo sviluppo di ipertensione, aterosclerosi, attacchi di cuore e accidenti cerebrovascolari. Dopo la menopausa, il rischio di queste patologie aumenta, quindi è necessario insistere nella prevenzione.

Quando vedere il mio ginecologo? Quali informazioni devo preparare prima di fare la visita?

La differenza tra normale e patologico è segnata dall’impatto sulla qualità della vita. Quando sperimentiamo cambiamenti che ci riguardano, l’opzione migliore è rivolgersi a una consulenza professionale e spiegare cosa sta succedendo e con quale frequenza, utilizzando un calendario che possiamo preparare in anticipo. Dobbiamo anche indagare sulla nostra storia familiare.

I segnali a cui dobbiamo prestare particolare attenzione sono:

  • Disturbi mestruali persistenti per almeno tre mesi, soprattutto se si manifestano prima dei 40 anni.
  • Forte sanguinamento durante le mestruazioni, con coaguli o più di 7-10 giorni.
  • Ricomparsa di sanguinamento dopo la menopausa stabilita (più di un anno senza mestruazioni).
  • Frequenti vampate di calore (più di 2-3 volte al mese).
  • Cambiamenti di umore importanti, insonnia.
  • Dolore con rapporti sessuali, secchezza genitale o disagio significativo.
  • Perdita di urina con gli sforzi, l’urgenza o l’incapacità di trattenere l’urina quando sento il desiderio di svuotare.
  • Frattura ossea senza trauma causale o dopo un trauma minore.

Trattamento della menopausa secondo le sue fasi

1. Trattamento preventivo per ridurre al minimo l’impatto della menopausa

La migliore prevenzione nella maggior parte dei casi è nelle sue mani, poiché è stato dimostrato che stabilire abitudini sane a lungo termine riduce il rischio di complicazioni multiple.

  • Mantenere una dieta sana, consumare 5 pasti al giorno, dare la priorità a frutta e verdura, cibi che contengono calcio come legumi e latticini, evitare caffeina e teina in eccesso, nonché bevande molto calde e cibi che possono predisporre alle vampate di calore, ridurre al minimo il consumo di alcol ed evitare il tabacco.
  • Esercizio fisico regolare: migliora il metabolismo, il rischio cardiovascolare e di osteoporosi, la salute mentale e l’insonnia.
  • Esercizi per il pavimento pelvico: Richiedono un aiuto professionale per imparare a eseguirli, ma se sono incorporati in una routine costante hanno dimostrato di prevenire e curare la comparsa di prolasso genitale e incontinenza urinaria.
  • Igiene del sonno: mantenere orari regolari, evitare cene abbondanti e tardive, dedicare le ultime ore della giornata ad attività più tranquille.
  • Mantenere una vita sessuale attiva. In coppia o da sola, la frequente stimolazione sessuale favorisce la lubrificazione e il buono stato della mucosa genitale e aiuta a mantenere la libido. Durante la menopausa, l’eccitazione sessuale perde parte della sua componente ormonale, quindi è necessario lavorare su altri stimoli: udito, vista, preliminari.…
  • Aumentare l’idratazione della pelle e dei capelli, così come la zona genitale, per la quale esistono idratanti specifici e altri naturali come l’olio dell’albero del tè, oltre a lubrificanti per i rapporti sessuali.

2. Trattamento medico dei sintomi e delle complicanze della menopausa.

Quando la terapia igienico-dietetica è insufficiente per controllare i sintomi, il suo ginecologo può prescriverle trattamenti diversi a seconda dei sintomi predominanti che accusa.

  •  Sintomi vasomotori, principalmente vampate di calore. Nei casi lievi può essere sufficiente la terapia naturale con fitoestrogeni derivati ​​da proteine ​​vegetali, ma nei casi moderati-gravi è necessaria la terapia ormonale sostitutiva con estrogeni in diverse versioni: pillole, cerotti, spray per la pelle. Questo trattamento migliora globalmente i sintomi della menopausa e riduce il rischio di osteoporosi e malattie cardiovascolari quando il deficit di estrogeni viene stabilito prematuramente, ma dovrebbe sempre essere iniziato sotto controllo medico e per un tempo limitato. 
  • Disturbi dell’umore: quando sono il sintomo predominante, possono essere trattati con basse dosi di antidepressivi, oltre all’aiuto psicologico.
  • Disfunzione del pavimento pelvico e sessuale: richiedono un approccio globale da diversi aspetti. Gli estrogeni vaginali in gel o ovuli hanno un’azione locale per migliorare la qualità della mucosa con effetti collaterali minimi. In caso di incontinenza, dovrebbero essere frequentemente integrati con terapia fisica ed esercizio del pavimento pelvico, rieducazione della vescica, eventualmente farmaci per ridurre l’attività della vescica, o interventi chirurgici per correggere gravi alterazioni anatomiche.
  • Osteoporosi: Il suo medico dovrebbe considerare il suo rischio individuale, poiché la prima opzione dovrebbe essere sempre la prevenzione attraverso le misure discusse e talvolta attraverso integratori di calcio e vitamina D. Nei casi più gravi, è necessario introdurre farmaci che bloccano il riassorbimento osseo.

Si può diventare madre in menopausa? 

Attualmente, a causa dell’aumento dell’aspettativa di vita, le donne vivono un terzo della loro vita in menopausa, e spesso in questa fase sono nel pieno della loro vita adulta, personalmente e sul lavoro. Pertanto, sempre più donne scelgono questo momento per essere madri. Tuttavia, la fertilità naturale diminuisce drasticamente dopo i 40 anni e, una volta stabilita la menopausa, in pochissimi casi sarà reversibile, cosicché l’ovaio non sarà in grado di produrre ovociti vitali per la gravidanza.

Quali sono le opzioni in questi casi?

  1. Quando possibile, l’opzione migliore è la prevenzione. Essere consapevoli della biologia dell’ovaio e dei possibili fattori di rischio individuali ci aiuterà a pianificare meglio la maternità. Se la decisione è di differirla, l’ideale è preservare la fertilità.
  2. Nella menopausa consolidata è possibile essere madre senza che questa condizione influenzi la prognosi, ricorrendo a trattamenti come la donazione di gameti (donazione di ovociti o doppia donazione) o l’adozione di embrioni. Trattamenti molto comuni con alte probabilità di successo.

POTREBBERO INTERESARTI ANCHE:

Dra. Esperanza de la Torre, ginecóloga en Instituto Bernabeu

Potete effettuare una

Rate this post