Cosa sono le contrazioni embrionali? Che effetti hanno sull’annidamento dell’embrione? 0

Le contrazioni embrionali sono movimenti del blastocisto, che indicano un adeguato sviluppo dell’embrione.

Dopo una serie di fenomeni fisici, l’embrione produce un accumulo di liquido nella cavità che ha formato che viene denominato blastocele. L’accumulo progressivo di liquido provoca che blastocisto si ingrandisca causando un incremento della pressione sia nel trofectodermo, che nella zona pellucida, -lo strato che ricopre il blastocisto e lo protegge dell’esterno- . Il fenomeno delle contrazioni embrionali è causato dalla fuoriuscita del liquido dal blastocele. Per potersi annidare, l’embrione deve uscire dalla zona pellucida e si considera che i fenomeni di espansione e le contrazioni embrionali sono legate all’ ecclosione embrionale.

Diversi studi hanno cercato di mettere in relazione il numero di contrazioni embrionali con la capacità di annidamento, ma a tutt’oggi non è stata raggiunta alcuna conclusione; sono necessari ulteriori studi per stabilire il tipo di relazione che esiste. È comunque evidente che le contrazioni embrionali del blastocisto sono un processo legato allo sviluppo e sembra possa associarsi ad un corretto progresso dell’embrione.

Laura Martí, biologa dell’Instituto Bernabeu.

Rate this post