Cosa sono i Micro ARN (miARN) e come interagiscono sull’annidamento dell’embrione? 0

Dal momento del trasferimento embrionale fino al giorno del test di gravidanza all’interno dell’utero e nell’embrione avviene una serie di cambiamenti tesi a favorire l’ annidamento dell’embrione per poter crescere correttamente. Si è sempre pensato a questi cambiamenti come una specie di dialogo ed è un ottimo paragone per spiegare il rapporto che si stabilisce tra l’embrione e l’utero.  Questa comunicazione avviene grazie a diverse molecole che vengono segregate sia dall’utero che dall’embrione stesso.

Non sempre questo dialogo dà luogo ad una gravidanza positiva.  Solo 1 embrione su 4 riesce ad annidare nell’utero, Il processo di annidamento richiede un embrione di buona qualità, un utero ricettivo e una perfetta sincronizzazione tra entrambi.

Quali molecole partecipano nel dialogo embrione-utero?

Questa comunicazione è complessa e richiede un gran numero di molecole, tra cui:

  • Fattori di crescita: proteine che stimolano la divisione delle cellule.
  • Fattori angiogenici: proteine che attivano la formazione dei vasi sanguigni (vascolarizzazione) che permetterà al feto di nutrirsi correttamente durante lo sviluppo.
  • Immunoglobuline (anticorpi) e altre molecole del sistema immunologico come le citochine.
  • Micro ARN (miARN o miRNA dalle sigle inglesi).

I miARN sono molecole simili al DNA. La composizione è leggermente differente e possiedono un’unica catena invece della doppia catena del DNA.  D’altro canto, la lunghezza di entrambe è molto diversa perché i mi ARN sono estremamente piccoli rispetto dal DNA.

La funzione dei miARN consiste nel regolare l’espressione genica. Nel nostro genoma vi sono circa 20.000 geni in cui è codificata l’informazione necessaria per sintetizzare tutte le proteine del nostro organismo. Non tutti i geni sono attivi in tutti i tipi di cellule che abbiamo nel nostro corpo, difatti solo si esprimono quelli necessari per una determinata funzione biologica. Inoltre, esiste un controllo meticoloso non solo per sapere “in quali cellule” si deve esprimere, ma anche “quando” si deve esprimere. Ecco quindi come i miARN partecipano in questo insieme di processi di controllo dell’espressione dei geni (epigenetica). Nell’utero materno le cellule dell’endometrio (strato che ricopre l’utero) sintetizzano miARN segregate verso l’embrione per regolarizzare l’espressione di geni embrionali necessari per lo sviluppo e l’annidamento. Potremmo dire che l’utero manda istruzioni precise all’embrione per potersi annidare e queste istruzioni giungono sotto forma di molecole denominate miARN.   Sono stati individuati numerosi miARN che partecipano a questo dialogo utero-embrione.

L’annidamento embrionale è un processo complesso. La ricerca in questo ambito sta cercando di scoprire i metodi per incrementare le probabilità di annidamento degli embrioni provenienti da cicli di fecondazione in vitro (FIV) e in questo modo ottenere una gravidanza positiva e la nascita di un bambino sano, il più grande desiderio di qualunque genitore.

L’Instituto Bernabeu mette a disposizione la propria Unità di Errore di Annidamento, formata da un gruppo di professionisti di diverse discipline che lavorano per valutare e trattare gli errori ripetitivi di annidamento e aborti ripetitivi.

Dott. José A. Ortiz biochimico di IBBIOTECH, del gruppo Instituto Bernabeu

Rate this post