Il transfer embrionario. Tutto ciò che deve sapere

Il trasferimento di embrioni è il punto culminante di vari trattamenti di riproduzione assistita, tra cui la fecondazione in vitro, la donazione di ovociti, l’adozione di embrioni, l’uso di embrioni crioconservati, ecc.

Anche se tecnicamente non è la fase più complessa del trattamento sì che è indispensabile un’attenta tecnica per depositare l’embrione delicatamente nell’utero materno. […]

2020-08-18T13:03:27+02:0027 de Luglio de 2020|0 Commenti

Accumulazione di ovociti in pazienti con Bassa Risposta

Il numero di ovociti ottenuti è un fattore pronostico chiave nei trattamenti di Fecondazione in Vitro (FIV). Fino ai 6-8 ovociti, le possibilità aumentano man mano che aumenta il numero di ovociti estratti.

per questo motivo la cura della paziente con Bassa Risposta deve essere specialmente meticoloso, sia nella fase di stimolazione ovarica sia nel processo di raccolta e manipolazione degli ovociti in laboratorio. In questi casi, ogni ovocito in più che si riesce ad ottenere aumenta le possibilità di successo in modo considerevole.

Sebbene molte di queste pazienti usufruiranno di protocolli specifici di stimolazione abbinati all’uso di terapie adiuvanti, alcune saranno refrattarie e avranno una risposta alquanto scarsa.

L’apparizione della vetrificazione come tecnica di successo nel congelamento sia di ovociti che di embrioni, ha suscitato nuove aspettative in pazienti con bassa risposta grazie alla possibilità di accumulare ovociti vetrificati provenienti da varie stimolazioni. In questo modo, dopo varie raccolte di ovociti e dopo averne raggiunti circa 6-8, si iniziano i processi destinati alla fertilizzazione con un pronostico più favorevole grazie ad un numero di ovociti simile a quelli di una paziente con risposta normale.

[…]

2020-08-19T10:46:41+02:0027 de Luglio de 2020|0 Commenti

FIV NEGATIVA: Tutto ciò che deve sapere dopo una Fecondazione in vitro fallita

La sterilità è considerata una malattia che colpisce il 17% delle coppie spagnole in età riproduttiva secondo la Spanish Fertility Society (SEF). A tutti gli effetti, la fecondazione in vitro (FIV), sia con i propri ovociti o FIV con ovociti donati (ovodonazione), rappresenta spesso il trattamento più efficace per soddisfare il loro più grande desiderio: […]

2020-10-26T14:03:11+02:0023 de Luglio de 2020|0 Commenti

Diagnosi genetica preimpianto senza biopsia, tecnica non invasiva: niPGT-A

Che cos’è il PGD senza biopsia (niPGT-A)?

L’obiettivo della fecondazione in vitro è di avere un bambino sano a casa. Per questo, negli ultimi decenni sono stati sviluppati diversi metodi per eseguire una diagnosi genetica degli embrioni (PGD), prima di trasferirli nell’utero. Questi metodi sono stati usati per differenziare gli embrioni cromosomicamente normali che porteranno a […]

2020-07-20T18:25:27+02:0020 de Luglio de 2020|0 Commenti

Eparina e fertilitá

Dopo la scoperta dell´eparina, come un’efficace agente anticoagulante, è stata utilizzata in molti campi della medicina. È stata recentemente utilizzata in trattamenti di fertilità (IVF, donazione di ovuli, …) per due scopi; come trattamento per la prevenzione di trombosi e come terapia aggiuntiva nei casi di mancato impianto o di situazioni abortive ripetute.

[…]

2020-08-10T16:10:00+02:0019 de Luglio de 2020|0 Commenti

Embrione blastocisti: Cos’è, vantaggi, tipi e classificazione in base alla sua qualità

Che cos’è un blastocisto?

Una blastocisti è un embrione di 5/6 giorni che ha una
struttura cellulare complessa costituita da circa 200 cellule. La fase della
blastocisti è la fase di sviluppo prima dell’impianto dell’embrione nell’utero
materno. 

Questa struttura cellulare si differenzia in due aree che
segneranno chiaramente la qualità dell’embrione e le sue opzioni per l’impianto
e la gravidanza.:

 La prima è […]

2020-09-15T09:36:50+02:003 de Luglio de 2020|0 Commenti

Sindrome da iperstimolazione ovarica

La sindrome da iperstimolazione ovarica è una complicazione dovuta alla stimolazione ovarica necessaria per la fecondazione in vitro. È una complicazione che può essere molto grave ma anche molto rara, essendo ridotta a meno dell’1% poiché sono state realizzate strategie efficaci per evitarlo.

Causa
della sindrome da iperstimolazione ovarica

Prima che si presenti l’iperstimolazione, gli ormoni utilizzati nel […]

2020-07-31T09:06:58+02:0030 de Giugno de 2020|0 Commenti

Quanto tempo aspettare dopo un FIVET che non è andato bene?

È una delle domande più frequenti nel nostro centro quando una fecondazione in vitro non è andata bene, resta sempre la speranza di un nuovo tentativo. Si è sempre detto che è necessario aspettare 3 mesi tra una stimolazione ovarica e l’altra e questa attesa diventa spesso angosciante per le pazienti che a causa della loro età non possono permetterselo.

Per poter valutare la necessità o meno di aspettare tutto questo tempo, sono stati effettuati studi per confrontare il tempo di attesa di 1 mese e 3 mesi, e si è osservato che si ottengono gli stessi risultati.

Per questo motivo, alle pazienti che hanno necessità di sottoporsi ad un trattamento al più presto, non consigliamo di attendere oltre un mese. 

[…]

2021-01-18T18:12:04+02:0021 de Giugno de 2020|0 Commenti
Hai bisogno d'aiuto? Ti aiutiamo senza impegno