fbpx

Attualità

Uno studio dell’Instituto Bernabeu ha stabilito che il giorno di inizio del trattamento ormonale non influisce sull’efficacia del trattamento di fertilità.

01-02-2024

Uno studio dell’Instituto Bernabeu ha stabilito che il giorno di inizio del trattamento ormonale non influisce sull’efficacia del trattamento di fertilità.

 La rivista RBM Online ha pubblicato i risultati di uno studio dell’Instituto Bernabeu, secondo il quale non esistono differenze significative nell’efficacia dei risultati clinici tra gli ovociti ottenuti con la stimolazione ovarica convenzionale e il protocollo random-start. La stimolazione ovarica mira a indurre lo sviluppo di più follicoli nelle ovaie della donna per aumentare le possibilità di ottenere diversi ovociti maturi in un singolo ciclo mestruale e, tradizionalmente, il trattamento ormonale a questo scopo inizia tra il primo e il terzo giorno del ciclo mestruale (nella cosiddetta fase follicolare iniziale).

 In alternativa, però, negli ultimi anni è stata proposta un’altra strategia che permette di iniziare indipendentemente dal giorno del ciclo della donna (questa strategia è diventata nota come protocollo random-start). Inizialmente questo protocollo era rivolto alle pazienti oncologiche in conservazione della fertilità, in quanto riduceva significativamente il tempo necessario per crioconservare i loro ovociti prima di iniziare il trattamento della malattia, sebbene vi siano altri gruppi di pazienti che potrebbero trarre beneficio dal suo utilizzo, come le donatrici di ovociti.

 I risultati dello studio hanno rivelato che non ci sono differenze significative nell’efficacia del trattamento, tenendo conto dei tassi di aneuploidia, gravidanza clinica, aborto spontaneo e nati vivi nelle pazienti riceventi che ricevono ovociti donati dopo la stimolazione convenzionale o seguendo il protocollo random-start. Jaime Guerrero, direttore del programma di donazione di ovociti e criobiologia dell’Instituto Bernabeu, ha sottolineato l’importanza di trovare trattamenti più semplici e convenienti per le pazienti, sottolineando che il protocollo random-start “è già implementato di routine nel programma di donazione di ovociti dell’Instituto Bernabeu, semplificando sostanzialmente i processi clinici e di laboratorio”.

 I vantaggi per le pazienti sono notevoli, in quanto l’implementazione di questo protocollo consente di ridurre in modo significativo il tempo di attesa per l’inizio della stimolazione ovarica. Potendo iniziare il trattamento in qualsiasi momento, le donatrici non devono adattarsi ai tempi specifici del ciclo mestruale, il che è particolarmente vantaggioso nelle situazioni in cui la loro disponibilità è limitata, oltre a facilitare la sincronizzazione tra ovo donatrice e ricevente.

Random-start ovarian stimulation in an oocyte donation programme: a large, single-centre, experience

J. Guerrero, J.C. Castillo, J. Ten, F. Quereda, A. Bernabeu, R. Bernabeu

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19