L’endometriosi è la presenza di tessuto uterino chiamato endometrio (lo strato che riveste la cavità dell’utero dove si annida l’embrione) al di fuori dell’utero stesso. Si può insediare in qualsiasi parte del corpo tranne nella milza.

È molto frequente perché colpisce un 10-15% di donne, soprattutto in età fertile, ma anche da bambine e molto raramente dopo la menopausa.

È una malattia di cui non ne conosciamo la causa sebbene ne soffriamo le conseguenze.

L’endometriosi si ripercuote sulla qualità della vita in vari modi, anche se il dolore mestruale o la dismenorrea sono problemi presenti in tutte le pazienti. Esistono anche altri tipi di dolori associati all’endometriosi: dolore durante i rapporti sessuali, dolore pelvico cronico, dolore nell’orinare, o persino perdite di sangue quando si orina durante le mestruazioni, dolore durante la defecazione o stitichezza. Questa varietà di sintomi è dovuta al fatto che l’endometriosi è capace di situarsi in tutto il bacino e creare aderenze tra le strutture a causa di un processo infiammatorio cronico.

Uno dei problemi sia per i pazienti che per i medici è che l’intensità del dolore, la posizione o la durata non sempre coincidono con quanto si vede nell’ecografia e quindi spesso la paziente si sente incompresa e frustrata perché non si è in grado di diagnosticare chiaramente il problema e trovare una soluzione per alleviare il dolore.

Per questo motivo molte donne che soffrono questa malattia non sono mai state diagnosticate come tali. Quanti dolori mestruali soprattutto in donne giovani sono stati definiti “normali” perché durante le visite convenzionali non si era in grado di individuare la malattia!

Inoltre le pazienti con endometriosi hanno bisogno di un motivo in più per recarsi dal ginecologo, perché appunto giovani, per mancanza di conoscenza o perché non è stato loro diagnosticato nulla nelle visite precedenti, rende più difficile una diagnosi accertata. Tutti questi fattori contribuiscono al fatto che in Spagna il ritardo medio nella diagnosi dell’endometriosi è di circa 8 anni, intollerabile, perché man mano che la malattia progredisce diventa difficile il trattamento e aumentano le sequele, soprattutto in materia di fertilità.

Nell’Instituto Bernabeu abbiamo creato un’Unità specifica dedicata alla diagnosi precoce e trattamento dell’endometriosi.

Instituto Bernabeu

Iniziamo raccogliendo i dati sui sintomi e come influiscono sulla vita di tutti i giorni della paziente.

La visita, personalizzata e accurata, effettuata da ginecologi specializzati, viene completata con ecografie ad alta risoluzione in 2D y 3D e con un’ analisi di contrasto, per cercare l’endometriosi non solo nelle ovaie ma in tutta la cavità pelvica e nella zona rettovaginale.

Ciononostante, e malgrado le eccellenti apparecchiature ecografiche, non tutti i tipi di endometriosi sono identificabili mediante ecografia. Per questo, cerchiamo di individuarla mediante analisi del sangue con l’aiuto di biomarcatori.

I biomarcatori che studiamo sono sostanze che appaiono nella risposta infiammatoria che provoca l’endometriosi e che spesso sono già presenti nelle fasi iniziali della malattia, per cui siamo in grado di dare una diagnosi precoce sebbene non si noti nell’ecografia.

Oltre alla diagnosi precoce, ci aiutano a conoscere lo stadio e se l’endometriosi si trova in fase attiva o a riposo.

Come specialisti in Medicina Riproduttiva, dopo aver confermato la diagnosi dell’endometriosi forniamo una consulenza riproduttiva personalizzata evitando conseguenze che potrebbero essere devastanti in questo senso. Spieghiamo inoltre alla paziente la possibilità di congelare i propri ovuli mediante vitrificazione per prolungarne il periodo fertile nei casi in cui prevede una perdita precoce della riserva ovarica.

Nell’Unità di Endometriosi dell’Insituto Bernabeu aiutiamo le pazienti già diagnosticate di endometriosi e con problemi riproduttivi ad avere un figlio con trattamenti disegnati su misura. L’endometriosi ben controllata non sembra ripercuotere sui risultati dei trattamenti di medicina riproduttiva anche se l’annidamento dell’embrione potrebbe essere più difficile a causa di una variante della malattia chiamata adenomiosi (endometriosi dell’utero). D’altro canto, l’endometriosi può essere la causa del mancato impianto embrionario per questo la nostra Unità lavora assieme alle unità specializzate in bassa risposta ovarica ed errore di annidamento e aborto ripetitivo.

Determinati alimenti possono modulare l’intensità e la proiezione o frenare la malattia o i sintomi, motivo per cui l’Unità di Endometriosi collabora con un gruppo di endocrinologi e nutrizionisti per una consulenza nutrizionale completa per poter potenziare  le risorse naturali per lottare contro questa malattia e aiutare così a migliorare la progressione e sintomatologia associata.

Per migliorare la qualità della vita e completare la cura ginecologica ed endocrinologica, l’agopuntura favorisce un sollievo significativo del dolore. Offriamo anche questo tipo di sostegno terapeutico specializzato.

In poche parole: una diagnosi precoce, una corretta valutazione e il trattamento della malattia ridurranno i sintomi di dolore, miglioreranno la qualità della vita e conserveranno la fertilità della donna soggetta a endometriosi.

La dottoressa Belén Moliner, ginecologa del Instituto Bernabeu.

Dr. Rafael Bernabeu, Direttore Medico dell’ Instituto Bernabeu.

Rate this post