Che cos’è un blastocisto?

Embrione blastocisti: Cos’è, vantaggi, tipi e classificazione in base alla sua qualità 0

Una blastocisti è un embrione di 5/6 giorni che ha una struttura cellulare complessa costituita da circa 200 cellule. La fase della blastocisti è la fase di sviluppo prima dell’impianto dell’embrione nell’utero materno. 

Questa struttura cellulare si differenzia in due aree che segneranno chiaramente la qualità dell’embrione e le sue opzioni per l’impianto e la gravidanza.:

  •  La prima è la massa cellulare interna (MCI), che è un gruppo di cellule che si trovano all’interno del blastocele o della cavità e che daranno origine al feto.
  • -Il secondo è uno strato di cellule epiteliali che copre il blastocele, chiamato trofoectoderma (TE), e che darà origine a tessuti extraembrionali (placenta e membrane amniotiche). Diverse cellule TE sono quelle che di solito vengono sottoposte a biopsia quando eseguiamo un test genetico sull’aneuploidia preimpianto (PGT-A) e vengono analizzate mediante sequenziamento di prossima generazione (NGS) per effettuare una selezione di quegli embrioni privi di alterazioni cromosomiche.

Come vedremo più avanti, per valutare e classificare la qualità di una blastocisti contiamo sulla sua dimensione o espansione della cavità o blastocele e sulla morfologia della MCI e TE.

Vantaggi del trasferimento di un embrione di blastocisti: selezione naturale dei migliori embrioni in evoluzione

Il trasferimento di una blastocisti ha i seguenti vantaggi:

Embrione blastocisti: Cos’è, vantaggi, tipi e classificazione in base alla sua qualità 1
  1. È possibile una migliore selezione embrionale. Gli embrioni che raggiungono questa fase hanno una maggiore capacità di impiantare e dare origine a una gestazione evolutiva, poiché hanno superato i possibili blocchi dello sviluppo che di solito si verificano nelle prime fasi.
  2. Ecco perché limitiamo il numero di blastocisti in ogni trasferimento a 1, eliminando il rischio di gestazione multiple.
  3. Lo sviluppo di nuovi terreni di coltivo e migliori condizioni di questo ci consentono di ottenere percentuali di formazione di blastocisti superiori al 60%. L’ottimizzazione delle tecniche di vetrificazione conferma la realizzazione dei congelamenti allo stato di blastocisti con elevati tassi di gravidanza. le prestazioni dei blocchi della fase di blastocisti con alti tassi di gravidanza.
  4. Esiste una sincronizzazione più fisiologica tra l’embrione e l’endometrio, poiché è naturalmente in questa fase che l’embrione raggiunge la cavità uterina. Inoltre, vi è una percentuale inferiore di contrazioni uterine al momento del trasferimento, che favorisce l’impianto embrionale.
  5. A causa del processo di selezione discusso nel primo punto, le blastocisti mostrano una percentuale inferiore di anomalie cromosomiche o aneuploidi.
  6. L’esecuzione di una biopsia dell’embrione nei cicli PGT-A dovrebbe essere eseguita nella fase della blastocisti, poiché è stato dimostrato che l’embrione non viene danneggiato.

Tipi di classificazione delle blastocisti

L’Associazione spagnola per lo Studio della Biologia della Riproduzione (ASEBIR) classifica i blastocisti in 4 categorie (A, B, C e D) a seconda delle caratteristiche della MCI, del TE e del grado di espansione. Si tratta di una classificazione dinamiche che tiene presente l’evoluzione dell’embrione al quarto e/o quinto giorno di sviluppo.

Embrione blastocisti: Cos’è, vantaggi, tipi e classificazione in base alla sua qualità - Instituto Bernabeu

(Classificazione di ASEBIR)

I blastocisti appartenenti alla categoria A sono di ottima qualità e con la massima capacità di annidamento.  Quelli appartenenti alla categoria B presentano una buona qualità e un’elevata capacità di annidamento.  La categoria C si riferisce ai blastocisti di qualità discreta e un livello di annidamento medio, mentre i blastocisti D sono di qualità scarsa e con una bassa probabilità di annidamento e gestazione. 

Ciononostante, la classificazione internazionale più standardizzata e utilizzata a livello mondiale è la Gardner e Schoolcraft (1999). In base a questo sistema, si tiene presente un’osservazione precisa al quinto o sesto giorno di sviluppo.  Si valuta il grado di espansione in 6 fasi, da minore a maggior espansione.  Dal 3º grado, si stabilisce un criterio morfologico per valutare la MCI e il TE in tre categorie (di qualità decrescente) in base al numero di cellule, la loro coesione e l’aspetto (A, B e C). Il miglior tasso di gestazione si ottiene trasferendo blastocisti di qualità 4AA o superiore.

Embrione blastocisti: Cos’è, vantaggi, tipi e classificazione in base alla sua qualità - Instituto Bernabeu

(Classificazione di Gardner e Schoolcraft, 1999)

Oltre alla morfologia dei blastocisti, si possono tener presente anche altri criteri morfologici che ci aiutano a decidere quale trasferire, ad esempio lo spessore dello strato esterno (zone pellucida), l’esistenza di segnali di ecclosione o la cavità embrionale in fasi precoci.

La formazione degli embriologi è fondamentale per poter effettuare una classificazione corretta dei blastocisti e poter trasferire nell’utero materno l’embrione con una maggior capacità di annidamento e gestazione.

Dott. Jorge Ten, Direttore dell’Unità di Biologia della Riproduzioni dell’Instituto Bernabeu

Potete effettuare una

Rate this post