Quando andare dal medico per una visita di fertilità?

Una coppia dovrebbe rivolgersi al medico per valutare la loro infertilità dopo un anno di tentativi. Nelle donne con età superiore ai 35 anni, consigliamo dopo 6 mesi sono sufficienti per iniziare uno studio appropriato.

Acudir a una consulta de fertilidad - Instituto Bernabeu

Vuoi un consiglio?
te lo diamo senza impegno

Quando la gravidanza non arriva si inizia con i dubbi su come cercare un aiuto per risolvere il problema. Ci chiediamo se dovremo andare subito o potrebbe essere meglio aspettare e senza affrettarsi.

La risposta in questo caso è chiara. Si raccomanda di avviare uno studio della sterilità, cioè, consultare un medico, dopo un anno di rapporti sessuali regolari senza utilizzare alcun metodo contraccettivo. (Contraccezione ormonale con: pillole, cerotti o anelli, dispositivi intrauterini IUD ecc.).

Sappiamo che la probabilità di una gravidanza durante il ciclo mestruale non è al 100% anche in coppie che se si considerano molto fertili. È quindi molto importante dare un’importanza e dare sufficienti opportunità al concepimento naturale prima di eseguire alcuni test diagnostici. Si ritiene che la probabilità di una gravidanza nelle coppie senza alcun problema è del 25% per ciclo e con condizioni normali, l'85% delle coppie che smettere di usare contraccettivi rimanere incinta durante il primo anno.

Molte coppie che non hanno raggiunto la gravidanza nel corso del primo anno di ricerca, la ottengono nel secondo anno. La probabilità di ottenerlo senza un aiuto specifico è molto più bassa e quindi è ragionevole eseguire una serie di test per fare una valutazione specifica del caso e ricorrere ad un piano. "Fare un piano" non significa necessariamente effettuare un trattamento di riproduzione assistita, ma essere chiari sulle misure da adottare in termini di sviluppi del singolo caso.

Tuttavia, non bisogna essere rigorosi. Consideri che mai ci si dovrebbe iniziare uno studio della sterilità finché non sia trascorso un anno non dovrebbe essere una regola per tutti i casi. In quelle coppie in cui l'età della donna è più avanzata, questo tempo d’attesa d’essere ridotto, più l'età avanza più bisogna accorciare le tempistiche di attesa. In generale, si tende a considerare che nelle donne superiori a un’età di 35 anni, lo studio inizia dopo sei mesi di rapporti sessuali non protetti. Allo stesso modo, nelle coppie in cui la donna è più giovane e non sono presenti circostanze sospette nella sua storia clinica, ritardare lo studio può essere ragionevole solo se lo stato emotivo della coppia lo permetta.

In molti altri casi, la sua storia medica ci farà sospettare o anche essere sicuri che la gravidanza non accadrà naturalmente. Questo è il caso di uomini con problemi ai testicoli durante l'infanzia, le donne con diagnosi di insufficienza ovarica e, naturalmente, quando si tratta di una donna single o una coppia in cui uno di loro ha subito la sterilizzazione volontaria (legatura delle tube o vasectomia).

In certi casi, trascorsi solo pochi mesi dall'inizio della ricerca, se la coppia decide di iniziare lo studio, può essere ragionevole farlo. In alcuni casi, l'incertezza crea una situazione emotiva della coppia che può portare a un deterioramento di molti aspetti del loro rapporto e di effettuare alcuni test diagnostici e un colloquio con il ginecologo, può ridurre la carica emotiva.

Vuoi un consiglio?
te lo diamo senza impegno