Attualità

Ricerca IB: corretta maturazione finale degli ovociti

08-07-2015

Ricerca IB: corretta maturazione finale degli ovociti

Studio retrospettivo sulla maturazione finale doppia (hCGr + agonista GnRH) in cicli FIV/ICSI su pazienti con risposta normale alla stimolazione

I trattamenti di riproduzione assistita comportano l’assunzione di diversi farmaci (la maggior parte iniettabili) che favoriscono un’adeguata produzione di ovuli.  Una volta che i follicoli raggiungono le dimensioni idonee, viene somministrato un ultimo medicinale che concluderà la maturazione di questi follicoli per ottenere ovuli perfetti il giorno dell’estrazione.  Recentemente si è dimostrato che con un ulteriore farmaco (sempre iniettabile) per la maturazione finale, è possibile migliorare i risultati durante l’estrazione in termini di numero e dimensioni di ovuli e quindi una maggior probabilità di gravidanza.   

Nell’Instituto Bernabeu, dopo un anno di prove, l’analisi dei risultati ha dimostrato che quando le pazienti rispondono favorevolmente alla stimolazione ovarica, l’aggiunta di questo secondo farmaco (agonista di GnRH) per la maturazione finale non rappresentava vantaggi rispetto ai casi in cui era stato somministrato solo il farmaco standard (hCGr -Ovitrelle®-). È fondamentale verificare questo tipo di strategie con studi adeguati prima di applicarle alla pratica clinica per evitare l’uso di medicinali non necessari in questo gruppo di pazienti. 

Questa ricerca fa parte dei 10 studi dell’Instituto Bernabeu accettati dal Comitato della ESHRE (Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia) per il 31º congresso scientifico di questa società tenutosi dal 14 al 17 giugno.

Dual trigger of oocyte maturation with gonadotropin-releasing hormone agonist (GnRHa) and human chorionic gonadotropin (hCG) in normal responder patients undergoing IVF/ICSI cycles: a retrospective analysis”. L. Luque, JC. Castillo, J. Guerrero, JM Gomez-Santana, J. Ll. Aparicio, R. Bernabeu. Poster. 

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19