Attualità

Il dottor Bernabeu parla degli aspetti medici e sanitari della medicina riproduttiva transfrontaliera presso l’Università di Alicante

11-11-2020

Il dottor Bernabeu parla degli aspetti medici e sanitari della medicina riproduttiva transfrontaliera presso l’Università di Alicante

Giovedì 12 novembre, il direttore medico dell’Instituto Bernabeu, il Dr. Rafael Bernabeu, affronterà gli aspetti medici e sanitari della medicina riproduttiva transfrontaliera. Lo fa nell’ambito del I Congresso Internazionale di Diritto di Famiglia e Tecniche di Riproduzione Assistita organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Alicante (UA) il 12 e 13 novembre. Un incontro che si tiene online.

Il direttore medico dell’Instituto Bernabeu sottolinea lo sviluppo di trattamenti di medicina riproduttiva che negli ultimi quattro decenni hanno portato a dieci milioni di nascite utilizzando la tecnica della fecondazione in vitro (IVF). E ha sottolineato che la Spagna è uno dei paesi che concentra il maggior numero di trattamenti di riproduzione assistita insieme al Giappone e agli Stati Uniti.

Il Dr. Bernabeu partecipa a una tavola rotonda sugli aspetti medici e legali della medicina riproduttiva transfrontaliera moderata dalla professoressa di diritto civile, Esther Algarra e nella quale interviene il Preside della Facoltà di Giurisprudenza e professore di Diritto Civile, Pedro José Femenía.

Questo incontro tratta aspetti come la filiazione derivata dalla riproduzione assistita; doppia maternità legale derivata dall’uso di tecniche di riproduzione umana assistita; ei problemi della filiazione prima delle inseminazioni domestiche. La seconda tavola rotonda di questo primo Congresso Internazionale affronta la rivoluzione biotecnologica e le sue implicazioni etiche e legali. Si parlerà della rivoluzione biotecnologica e della tecnica CRISPR; e, d’altra parte, delle conseguenze legali dell’applicazione della tecnica CRISPR.

 

POTREBBERO INTERESARTI ANCHE:

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19