fbpx

Attualità

IB studia se è possibile conoscere la maturazione degli ovociti con un test delle orine per evitare prelievi del sangue

05-04-2023

IB studia se è possibile conoscere la maturazione degli ovociti con un test delle orine per evitare prelievi del sangue

L’Instituto Bernabeu ha colpito ancora una volta in questo 2023 in una delle pubblicazioni scientifiche più rilevanti a livello internazionale, JBRA Assisted Reproduction. La rivista ha pubblicato l’articolo scritto dalla dottoressa María Martínez e intitolato “Exploring self-detection of the endogenous LH surge using a urine test as a tool to predict a suboptimal response to gonadotropinreleasing hormone agonist trigger during in vitro fertilization cycles”.

La ricerca sorge dalla necessità di verificare il corretto funzionamento di uno dei farmaci più usati durante una parte essenziale nel processo della stimolazione ovarica, la maturazione finale degli ovociti, attraverso i aGnRH (l’ormone rilasciante gonadotropine che permette alle ovaie di produrre i principali ormoni sessuali femminili: estrogeni e progesterone).

Solitamente, queste informazioni sono ricavabili da un’analisi del sangue e lo scopo dello studio ha consistito nel “verificare un metodo più veloce, economico e comodo per le pazienti” senza dover sottoporsi ad un prelievo del sangue che è “più costoso, scomodo e obbliga a recarsi in clinica”, spiega la dottoressa Martínez.  Gli esperti hanno analizzato la possibilità di approvare l’uso di stick di ovulazione nelle orine (stick di LH), un test da fare comodamente a casa. La dottoressa Martínez spiega che “i aGnRH creano un aumento dei valori dell’ormone associato all’ovulazione (ormone luteinizzante o LH) e gli effetti vengono rilevati con i test che qualsiasi paziente può effettuare da casa”.

I risultati hanno dimostrato che, nei casi di un risultato positivo, si tratta di un valore affidabile, contrariamente a quando si mostra un risultato negativo, spiega la dottoressa Martínez. “quando lo stick è positivo abbiamo verificato che effettivamente esiste una relazione con la raccolta degli ovociti maturi della paziente che corrisponde ad un buon numero di ovuli maturi nei prelievi; ma quando è negativo, non sempre significa che sia un risultato affidabile e veritiero. In questi casi, procediamo con le analisi del sangue per verificare se la misurazione è stata effettuata correttamente”

Exploring self-detection of the endogenous LH surge using a urine test as a tool to predict a suboptimal response to gonadotropinreleasing hormone agonist trigger during in vitro fertilization cycles

M. Martínez; R. Delgado; E. Quevedo; J. Guerrero; H. Moragues; JA Ortiz; A. Bernabeu; JC Castillo; R. Bernabeu

Parliamo

La consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19