Progresso diagnostico della bassa riserva ovarica legata ai livelli di Interleuchina-10

  • 15-07-2020

Un nuovo lavoro di ricerca dell'Instituto Bernabeu associa lo stato delle citochine delle pazienti alla diagnosi di bassa riserva e risposta ovarica. Le conclusioni del lavoro sono state presentate alla scorsa edizione del congresso della European Fertility Society (ESHRE), che si è tenuto dal 6 al 9 luglio.

Sebbene alcuni studi mostrino prove del possibile effetto del sistema immunitario sulla funzione dell'ovaio e sul processo di impianto dell'embrione, il suo ruolo nel successo dei trattamenti di riproduzione assistita rimane sconosciuto. Il nostro obiettivo è stato quello di studiare l'effetto delle citochine sulla riserva e sulla risposta ovarica..

Il nostro studio mostra che i livelli di interleuchina-10 sono più bassi nei pazienti con bassa riserva e risposta ovarica rispetto ai pazienti con riserve e risposte normali.

Inoltre, se i livelli di interleuchina-10 sono inferiori a 0,5 pg / ml, la personalizzazione del trattamento potrebbe non migliorare i risultati..

In conclusione, l'interleuchina-10 potrebbe essere utile come biomarcatore per prevedere la risposta ovarica prima di un possibile trattamento di riproduzione assistita.

 

Una bassa riserva ovarica e risposta sono associate ai livelli di Interleuchina-10 nelle donne che iniziano  trattamenti di fecondazione in vitro.

A. Fabregat, M. Hortal, B. Lledó, J.A. Ortiz, A. Bernabeu, J. Llácer, R. Bernabeu

Poor ovarian reserve and response are associated with interleukin 10 levels in women undergoing in-vitro fertilization

Vuoi un consiglio?
te lo diamo senza impegno