Attualità

14 marzo. Giornata Internazionale dell’Endometriosi. Del dolore per mestruazioni e dell’incomprensione

12-03-2021

14 marzo. Giornata Internazionale dell’Endometriosi. Del dolore per mestruazioni e dell’incomprensione

Il dolore mestruale non deve essere abitale e, in tal caso, è necessario saperne il motivo. Questa premessa è la base del pensiero della specialista internazionale e responsabile della nuova Unità di Endometriosi dell’Instituto Bernabeu, la dottoressa Belén Moliner. Durante il mese dell’Endometriosi, l’esperta ha ricordato la necessità di dare maggior visibilità a questa malattia che colpisce una donna su dieci in età fertile. E l’infertilità è proprio una delle conseguenze della crescita anomala del tessuto dell’endometrio sia che ricopre l’utero che al di fuori dell’utero. Si annida in altre parti del corpo (ad eccezione della milza) e con maggior frequenza nella zona ovarica. In Spagna ne soffrono circa due milioni di donne e il principale sintomo è il dolore intenso durante la mestruazione (dismenorrea) che provoca una qualità di vita inferiore per le pazienti a causa dei problemi associati.

Inoltre, diventa un problema perché è difficile da diagnosticare e richiede parecchio tempo, circa sette anni, avverte la dottoressa Moliner; a questo si associa l’incomprensione della la donna in tutti questi anni, fino a quando finalmente si riesce a dare nome al dolore che soffre. Il rilevamento precoce in questi casi è importantissimo per migliorare la qualità della vita delle pazienti. Il trattamento prevede l’uso di analgesici e nei casi più gravi persino la chirurgia. Individuare questa patologia in tempo offre un’opportunità per prendere decisioni a livello riproduttivo. Si prevedere un eventuale congelamento di ovuli o un anticipo della maternità per evitare maggiori difficoltà con il passare del tempo.

Parliamo

Ti consigliamo senza impegno

SITUAZIONE ATTUALE

COVID-19