Domande e risposte

Indice

Che tipo di persone possono donare ovuli o seme?

Le donatrici di ovuli sono giovani e sane che desiderano aiutare altre donne a diventare madri. Sono persone impegnate socialmente e con un alto livello culturale. Molte sono studentesse universitarie.

I requisisti sono avere un’età tra 18 e 35 anni, avere una storia familiare priva di malattie di trasmissione genetica, un cariotipo normale (studio cromosomico), risultato negativo dello screening sulle malattie genetiche, un’esaustivo studio sulle malattie di trasmissione sessuale (AIDS, Epatite B e C, Sifilide), normale apparato riproduttore, salute fisica e mentale, storia sulla fertilità precedente e/o un’adeguata risposta al trattamento di stimolazione ovarica, un’ indice della massa corporea adeguata.

I donatori di seme sono giovani sani che desiderano, volontariamente donare il proprio seme in modo che possa essere utilizzato da altre coppie che si sottopongono a diverse tecniche di riproduzione assistita.

I requisiti sono avere un’età tra 18 e 35 anni, non essere affetto anche da parte dei propri familiari da malattie genetiche che possono essere trasmesse alla discendenza, per esempio il diabete o l’epilessia, non essere portatore, né essere affetto da: l’antigene dell’epatite B, Anticorpi anti-epatite C, Anticorpi anti-HIV 1 e 2, Sifilide, non soffrire d’infezioni ed avere una qualità seminale di approssimatamente 4-5 volte i valori normali e che sopporti adeguatamente il processo di congelazione e scongelazione. Avere un cariotipo normale.

La donazione è anonima?

Sí. La legge spagnola indica che i dati riferiti all’identità delle donatrici e dei donatori rimarranno custoditi in chiave, nel segreto più assoluto.

E`possibile che una donatrice o un donatore venga a conoscenza dell’identità del figlio nato?

No. La Legge indica che la donazione è anonima e che le donatrici non hanno il diritto di venire a conoscenza dell’identità del figlio nato. Non è contemplata nemmeno la possibilità che il figlio conosca l’identità della donatrice.

Come posso diventare donatrice?

Nel caso delle donatrici di ovociti, dopo essersi messe in contatto con il nostro Centro, le verrà dato un’appuntamento nel quale verrà controllato se risponde ai requisiti precedentemente descritti. Se sono idonee, faranno una visita ginecologica compresa di esplorazione e revisione medica. Nella stessa giornata si sottoporranno ad un esame del sangue. Una volta ottenuti i risultati, se sono corretti il trattamento comincierà col primo giorno delle mestruazioni.

Nel caso dei donatori di seme, dopo essersi messi in contatto con il nostro Centro, gli verrà dato un’appuntamento nel quale verrà controllato se rispondono ai requisiti precedentemente descritti, cosicchè nello stesso giorno potranno lasciare un campione seminale. Se è valido, con il secondo campione viene realizzata una prova di congelazione e scongelazione. Se anche questa prova viene superata, verrà richiesto un terzo campione ed un esame del sangue. Questa terza prova entrerà a far parte della nostra banca del seme, anche se viene mantenuta in quarantena il tempo stabilito fino ad ottenere tutti i risultati completi. Da questo momento in poi il donatore si recherà al Centro una volta alla settimana.

È inoltre necessario firmare un documento nel quale viene spiegato come sarà il procedimento e gli aspetti legali riguardo alla sicurezza dell’anonimato e al fatto che il donatore non ha nessun diritto né dovere sui possibili figli che nascano dalla sua donazione.

I Donatori ricevono un compenso economico?

La donazione di ovociti è un atto altruista, ma è permesso un rimborso spese per coprire i costi degli spostamenti, le assenze lavorative, ecc.

Per i donatori di seme è prevista un compenso economico di 40 euro per ogni campione valido per il disturbo e i costi degli spostamenti.

Esitono limiti nella donazione?

Secondo la legge, una persona può donare fino a che ha dato luogo ad un máximo di 6 figli nati in Spagna.

La donazione di ovociti è un processo doloroso?

No, infatti per la maggior parte delle giovani ragazze che lo hanno già sperimentato è stata un’esperienza positiva, si sentono soddisfatte e orgogliose, e lo ripetono.

La donazione di ovociti può colpire in seguito la fertilità o la mia riserva ovarica?

No, in ogni ciclo si perdono in maniera naturale centinaia di ovuli che non possono n seguito essere utilizzati. Il trattamento recupera vari ovuli del ciclo. In molti casi, il fatto di dar luogo ad una visita ginecologica così completa fa in modo che si diagnostichino e si curino alterazioni che in poco tempo potrebbero compromettere la fertilità.

Quando viene rifiutato un donatore?

Quando la qualità del seme in ripetuti campioni non permette la sua congelazione o quando, dopo la congelazione, la sopravvivenza degli spermatozoi non è accettabile. Quando vengono riscontrate anomalie, nelle analisi che vengono realizzate periodicamente. Quando si ha ottenuto sei gestazioni evolutive con il seme di un donatore, come detta la legge.


© Instituto Bernabeu. Spagna. | Alicante | Elche | Cartagena | Benidorm | +34 902 30 20 40 | | Avviso Legale | Cookies policy

Instituto Bernabeu - Medicina reproductiva IBbiotech Fundación instituto bernabeu sello ISO EFQM

25º Compleanno del primo bebé FIV dell’ Instituto Bernabeu

Cargando...