La realizzazione di tecniche di fecondazione in vitro (FIV) ha come scopo lo sviluppo di molteplici follicoli (stimolazione ovarica) da cui si ottengono gli ovuli che successivamente verranno fecondati. Il processo di stimolazione ovarica finisce con l’assunzione di un farmaco che favorisce la maturazione finale degli ovuli. Il più utilizzato è la gonadotropina corionica umana (hCG). Quest’ultimo passo è essenziale per poter estrarre ovuli durante la puntura ovarica e indica il momento in cui deve essere effettuato questo procedimento.  La sindrome del follicolo vuoto (SFV), è la condizione -di origine incerta- in cui non si ottengono ovuli dopo una puntura ovarica meticolosa nonostante la crescita dei follicoli sia stata adeguata dopo la stimolazione ovarica e i controlli ormonali normali. […]