Il numero di ovociti ottenuti è un fattore pronostico chiave nei trattamenti di Fecondazione in Vitro (FIV). Fino ai 6-8 ovociti, le possibilità aumentano man mano che aumenta il numero di ovociti estratti.
per questo motivo la cura della paziente con Bassa Risposta deve essere specialmente meticoloso, sia nella fase di stimolazione ovarica sia nel processo di raccolta e manipolazione degli ovociti in laboratorio. In questi casi, ogni ovocito in più che si riesce ad ottenere aumenta le possibilità di successo in modo considerevole.
Sebbene molte di queste pazienti usufruiranno di protocolli specifici di stimolazione abbinati all’uso di terapie adiuvanti, alcune saranno refrattarie e avranno una risposta alquanto scarsa.
L’apparizione della vetrificazione come tecnica di successo nel congelamento sia di ovociti che di embrioni, ha suscitato nuove aspettative in pazienti con bassa risposta grazie alla possibilità di accumulare ovociti vetrificati provenienti da varie stimolazioni. In questo modo, dopo varie raccolte di ovociti e dopo averne raggiunti circa 6-8, si iniziano i processi destinati alla fertilizzazione con un pronostico più favorevole grazie ad un numero di ovociti simile a quelli di una paziente con risposta normale. […]