Essere madre dopo 40 anni: opzioni riproduttive, vantaggi e svantaggi - Instituto Bernabeu

Il ritardo della maternità è un fenomeno sociale. Sempre più donne scelgono di realizzare i propri progetti di vita e rimandare il momento della maternità. Un nuovo modello ispirato ai cambiamenti sociali, culturali ed economici. I 40 anni rappresentano un momento di appagamento nella vita di una donna. E la maternità dopo i 40 anni è un’opzione ormai sempre più comune. Di conseguenza, ci sono diversi motivi per cui la maternità viene ritardata: a volte perché nelle fasi più fertili questa non è una priorità; o perché si cerca una stabilità economica; o perché non si è trovato il partner giusto; lo sviluppo di una carriera professionale viene anteposto alla nascita di un figlio; oppure si cerca di nuovo la maternità in età avanzata e in molti casi perché c’è un nuovo partner con cui si desidera vivere un progetto di maternità.

Nel XXI secolo, una donna che raggiunge i 40 anni, si sente più preparata e matura, dispone di informazioni complete, è forte fisicamente e mentalmente e decide d’iniziare questo cammino.

Qual è la migliore età biologica per essere madre?

Il momento migliore sulla sfera personale non è sempre il miglior momento a livello fisico. È una realtà che la fertilità cambia con l’età. C’è un momento biologico per essere madre che coincide sempre meno con le decisioni della donna di oggi. È tra i 25 ei 30 anni quando il corpo è meglio preparato per la maternità. Mentre dai 35 anni la riserva ovarica (la quantità di ovuli che ha) diminuisce cosi come la qualità degli stessi. E dopo i 40 si ha un drastico calo fino all’arrivo della menopausa. Pertanto, è più difficile rimanere incinta e il rischio di aborto e anomalie nell’embrione è maggiore.

Enti come l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) considerano un’età materna oltre i 35 anni come un fattore di rischio medio. E nonostante questo, il ritardo della maternità è un dato di fatto.

In Spagna, l’Istituto nazionale di statistica (INE) ha fissato l’età in cui le donne spagnole hanno il loro primo figlio nel 2019 a 32,2 anni. Il che pone le donne spagnole accanto alle italiane come ultime mamme europee. A livello internazionale, le statistiche stabiliscono 30,1 anni per avere il primo figlio.

Preservazione della fertilità per scegliere il momento giusto per formare una famiglia

Pertanto, un’opzione per preservare la fertilità è il congelamento degli ovociti nella fase fertile. Con questa tecnica la donna prende il controllo della sua vita riproduttiva, potendo decidere in futuro il momento migliore per diventare madre. Nella consulta medica sulla riproduzione, molte donne si rammaricano di non aver saputo prima che la fertilità ha una scadenza e che dopo i 35 anni ottenere una gravidanza con i propri ovuli diventa complicato.

Oggi, le sofisticate tecniche di crioconservazione degli ovociti offrono la possibilità, abbracciata da  sempre più donne di giovane età,  per non rinunciare al loro progetto riproduttivo. E quando arriva il momento, attraverso un trattamento di fecondazione in vitro – o con lo sperma del proprio partner o con il seme proveniente da una banca di gameti -, vengono utilizzati gli ovociti della paziente che hanno conservato quindi la stessa qualità e caratteristiche di quando sono stati congelati.  In questo modo, l’obiettivo è di evitare la necessità di ricorrere a ovociti di donatrici, o di subire un maggior rischio di aborto o anomalie cromosomiche nel feto che possono essere più frequenti negli ovuli di donne in età avanzata.

Quali opzioni riproduttive ci sono a partire dai 40 anni?

Sebbene sia possibile ottenere una gravidanza naturale, dopo i 40 anni il tasso di gravidanza con i propri ovuli si riduce al 5%, secondo la Società Spagnola di Fertilità (SEF). Se una donna “con i suoi anni” (il termine per donne in età avanzata) vuole avere un figlio, è consigliabile non perdere tempo. La medicina riproduttiva offre diverse alternative e la principale tecnica di riproduzione assistita in questa fase può essere:

A seconda della sua riserva ovarica, della risposta alla stimolazione farmacologica, dei suoi marcatori genetici e persino dell’indice di massa corporea, vengono eseguite diverse linee guida per ottimizzare il risultato. All’Instituto Bernabeu ci affidiamo a diverse strategie che vengono individuate dalla nostra unità di riserva ovarica, come la stimolazione delicata e le dosi regolate che cercano di ottenere ovociti di migliore qualità, anche la doppia stimolazione per ottenere un maggior numero di ovociti, l’applicazione di farmacogenetica, ecc.

Può accadere che la donna sia già in menopausa, e quindi non ovuli o che la qualità e / o il numero dei suoi ovociti non sia sufficiente, quindi è necessaria la donazione di gameti per ottenere una gravidanza. I principali trattamenti sono:

  • Donazione di ovociti (fecondazione in vitro con ovociti di una donatrice che è molto somigliante alla madre ricevente).
  • L’embriodonazione (l’adozione di un embrione già generato che viene congelato).
  • Doppia donazione (la generazione di embrioni da seme donato e ovociti che provengono da donatrici quanto più somiglianti è possibile alla famiglia ricevente).

Evitare aborti o anomalie genetiche: Diagnosi Genetica Embrionale (PGD) Preimpianto

Un fatto molto importante è che dopo 40 anni è più comune che l’embrione presenti anomalie e può succedere che:

  • non riesca ad impiantarsi nell’utero
  • c’è il rischio di aborto nei primi mesi di gravidanza o
  • nasca con un’anomalia

Per questo motivo è consigliabile eseguire la Diagnosi o Test Genetico Preimpianto (PGT, chiamato anche PGT). La PGD viene eseguita sull’embrione prima del suo trasferimento nell’utero della madre. Consiste nella sua analisi da una piccola biopsia. Ha lo scopo di rilevare anomalie genetiche e / o cromosomiche. Di conseguenza, consente la selezione di embrioni sani, evitando il trasferimento di embrioni anormali e quindi la nascita di bambini con sindromi diverse, nonché la tensione emotiva causata da un aborto.

Vantaggi della maternità a partire dai 40 anni

La maternità tardiva ha i suoi vantaggi. In questa fase, le donne hanno una maggiore maturità e grado di responsabilità. La gravidanza è desiderata, la depressione postpartum è meno comune e la madre ha molte informazioni che influiscono sulla sua cura personale e su quella della sua futura famiglia. Inoltre, di solito hanno una migliore situazione economica e lavorativa che offre una maggiore stabilità per dedicarsi al bambino. I bambini nati da madri di età superiore ai 40 anni hanno dimostrato di ricevere un maggiore sostegno emotivo e una migliore istruzione.

Svantaggi dell’essere madre dopo i 40 anni Quali rischi ci sono in gravidanza dopo i 40 anni?

Tuttavia, con l’avanzare dell’età aumentano anche i rischi per la donna incinta e per il feto. Oltre ad una diminuzione degli ovociti, l’invecchiamento dell’ovaio e di conseguenza degli ovociti, può portare a difetti genetici nell’embrione e un maggior rischio di soffrire di diverse patologie durante la gravidanza e alla nascita.:

  • È più probabile che si abbia un aborto spontaneo.
  • Esiste un rischio maggiore di sviluppare una gravidanza extrauterina
  • È più comune che la madre soffra di ipertensione
  • Diabete gestazionale
  • Preeclampsia
  • Tromboembolia
  • Problemi alla tiroide
  • Inserzioni placentari anormali
  • La nascita pretermine è più comune
  • Spesso il parto è cesareo
  • E c’è un aumentato rischio di emorragia postpartum

Controlli e test ginecologici

Per questo motivo, oltre i 40 anni è considerata una gravidanza ad alto rischio. I controlli ginecologici devono essere più frequenti ed esaustivi, per evitare o rilevare al più presto queste patologie che possono alterare lo sviluppo della gravidanza.

Durante questo periodo, la donna incinta può scegliere di eseguire test diagnostici prenatali, utili per conoscere il rischio che il bambino ha di subire alterazioni cromosomiche o escludere difetti congeniti o malformazioni. I test principali sono:

Tecniche non invasive

 Abbiamo il test del DNA fetale nel sangue materno per rilevare le anomalie cromosomiche più comuni che possono essere identificate attraverso il campione di sangue della madre. Riguarda

o trisomia, la presenza di tre copie di un cromosoma invece di due

o monosomia, quando manca una delle copie

  • e microdelezione, quando manca una piccola parte del cromosoma.

Le anomalie cromosomiche più comuni rilevate sono:

  • Trisomia 21 o sindrome di Down
  • trisomia 18 o sindrome di Edwards
  • anche trisomia 13 o sindrome di Patau
  • sì, come le alterazioni dei cromosomi sessuali X e Y

È possibile eseguire un test esteso come quello offerto dall’Instituto Bernabeu che permette l’analisi della delezione 22q11,2 o sindrome di diGeorge e il test completo che analizza le alterazioni dei 24 cromosomi insieme alle microdelezioni. Vedi di più

Test invasivi

  • Attraverso l’amniocentesi, il liquido amniotico viene estratto dall’interno della placenta, la sacca in cui si trova il feto. La puntura viene eseguita con un ago sottilissimo attraverso l’addome e dall’embrione vengono prelevate cellule che verranno analizzate per individuare l’eventuale presenza di anomalie cromosomiche o genetiche e difetti del tubo neuronale. Si svolge tra la 15a e la 18a settimana.
  • Attraverso la biopsia del corion o villocentesi, si ottiene tessuto dalla placenta per lo studio dei cromosomi fetali, del DNA o degli enzimi fetali. Viene eseguita per via addominale o transcervicale. Il suo vantaggio rispetto all’amniocentesi è che può essere eseguita alla settimana 11 e 12.
  • Funiculocentesi o cordocentesi è la puntura e l’estrazione del sangue dalla vena ombelicale per rilevare anomalie congenite e del sangue. È un metodo raro che deve essere eseguito da medici esperti. È fatto dalla settimana 19-20. Permette lo studio rapido dei cromosomi e quindi confermare possibili infezioni o una grave malattia del feto.

Assistenza nelle gravidanze di madri oltre i 40 anni

L’alimentazione è essenziale per le donne incinte e deve essere curata soprattutto nella tarda gravidanza.

  • Si consiglia di seguire una dieta variata, ricca di frutta e verdura e cibi con acido folico come legumi, verdure a foglia verde, noci o cereali. All’Instituto Bernabeu abbiamo un’unità specifica di endocrinologia e nutrizione durante la gravidanza.
  • In secondo luogo, è importante fare esercizio, mantenere un peso adeguato ed essere attivi.
  • Infine, si dovrebbero evitare sostanze nocive come alcol, tabacco e eccitazioni come il caffè. Si dovrebbe anche stare lontano da sostanze chimiche presenti nella vita di tutti i giorni come i cosmetici stessi o i prodotti con componenti chimici.

Consulto ginecologico pre-concezionale per prepararsi alla gravidanza

La pianificazione della gravidanza dovrebbe iniziare con una consultazione pre-concezionale. Una raccomandazione che diventa più necessaria quando si considera la maternità in età avanzata. La gravidanza a partire dai 40 anni di età è considerata rischiosa e richiede controlli più severi che dovrebbero iniziare con un’adeguata prevenzione e preparazione.

Come sarà il parto se rimango incinta a partire dai 40 anni?

L’età non implica grandi differenze quando si tratta di partorire. Anche se a partire dai 40 anni il rischio di parto prematuro e che il bambino nasca prima delle 37 settimane di gestazione è maggiore. Anche la probabilità che il parto avvenga con taglio cesareo è maggiore. La muscolatura dell’utero è meno elastica e ha meno capacità di contrarsi. Quindi, il ginecologo può raccomandare di indurre o provocare il travaglio. È più comune utilizzare strumenti come pinze o ventose perché le contrazioni uterine sono generalmente più deboli ed è necessario per aiutare la nascita del bambino.

POTREBBERO INTERESARTI ANCHE

Potete effettuare una

Rate this post