Come possiamo essere genitori dopo una vasectomia? - Instituto Bernabeu

La vasectomia si comporta come un’azospermia ostruttiva, cioè comporta l’assenza di spermatozoi e cellule spermatogeniche nello sperma e nelle urine post-eiaculazione, a causa di un’ostruzione bilaterale dei dotti eiaculatori.

È un metodo efficace di sterilizzazione chirurgica permanente maschile. Nonostante ciò, al momento la gravidanza può essere raggiunta anche dopo una vasectomia.

Prima di farsi una vasectomia, vanno affrontati i seguenti aspetti:

Il suo carattere definitivo implica che prima della sua realizzazione, è necessario ricevere informazioni precise sui suoi rischi e benefici:  

  • La vasectomia dev’essere considerata irreversibile.
  • È accompagnato da un basso tasso di complicanze; tuttavia, poiché si tratta di un’operazione programmata, è necessario spiegare anche i più piccoli rischi, poiché gli uomini (ed i loro partner) potrebbero volerli considerare prima di dare il consenso.
  • La vasectomia può non riuscire, sebbene il tasso di fallimento sia basso.
  • Le coppie devono essere informate di continuare con altri metodi contraccettivi efficaci fino alla conferma dell’eliminazione degli spermatozoi.
  • Non impedisce la diffusione di malattie a trasmissione sessuale.
  • Tutti i dati disponibili indicano che la vasectomia non ha gravi effetti collaterali a lungo termine.
  • Tra i vari processi; la vasectomia consistente nell’interposizione della fascia con cauterizzazione sembra essere la tecnica più efficace.

Ottenimento di spermatozoi per fecondazione in vitro dopo una vasectomia

Esistono diverse tecniche di successo per ottenere spermatozoi direttamente dal testicolo. Il che permette di avere una prole dopo la vasectomia:

  • La tecnica di raccolta dello sperma che applichiamo in Instituto Bernabeu consiste nell’aspirazione di tessuto testicolare usando un ago sottile (puntura/PAAF testicolare). A differenza della biopsia testicolare, non richiede anestesia generale o apertura della sacca scrotale o perdita di frammenti di tessuto testicolare. È quindi un metodo semplice, minimamente invasivo, veloce e di successo, e quindi può essere ripetuto per vari cicli di fecondazione in vitro.
  • La biopsia testicolare, a causa della sua maggiore invasività, non è la tecnica prescelta dall’Istituto Bernabeu. Maggiori informazioni

Negli uomini che hanno già avuto una prole, la raccolta di spermatozoi con questa tecnica è vicina al 100%, rendendo molto improbabile dover ricorrere ad una biopsia testicolare (da non confondere con il successo del ciclo di riproduzione assistita). Molti anni dopo la vasectomia, anche 16 anni dopo l’intervento, si ottengono facilmente spermatozoi utili.

Una volta ottenuti gli spermatozoi, si trasferiscono al laboratorio di fecondazione in vitro per inseminare mediante ICSI, gli ovociti che sono stati precedentemente prelevati.

Correzione della Vasectomia: Vasovasostomia

Come possiamo essere genitori dopo una vasectomia? - Instituto Bernabeu

Va tenuto presente che circa il 2% -6% degli uomini vasectomizzati richiede una rettifica della vasectomia. La tecnica per ricanalizzarla si chiama Vasovasostomia ed è il processo inverso della vasectomia:

Consiste nel ristabilire l’unione del dotto deferente che era stato sezionato quando veniva eseguita la vasectomia, per consentire allo sperma di passare di nuovo. Per questo, l’uroandrologo utilizza tecniche di microchirurgia con l’aiuto di una lente di ingrandimento chirurgica e materiali di sutura più piccoli. 

È stata pubblicata un’ampia gamma di percentuali di successo della correzione vasectomica (fino al 90%); il successo dipenderà da

  • Il tempo trascorso tra la vasectomia e la re- fecondazione,
  • Tipo di vasectomia eseguita (ad es. Con estremità aperta o sigillata),
  • Modalità di correzione (vasovasostomia o vasoepididimostomia)
  • E se la correzione è stata uni o bilaterale.

Limitazioni della vasovasostomia

La tecnica presenta diversi inconvenienti:

  • Dopo il suo completamento, è necessario attendere tra 8-12 mesi per verificare se nell’eiaculato si producono nuovamente spermatozoi sufficienti.
  • Il successo dell’intervento non garantisce il ripristino della funzionalità. Non è sempre possibile ripristinare la produzione di spermatozoi in quantità e qualità sufficienti
  • Tra coloro che si sottopongono a vasovasostomia, abbiamo scoperto che il 5% -10% presenta un’ostruzione dell’epididimo a causa di una rottura dei tubuli, il che rende un’epididimovasostomia essenziale per l’inversione. Questo è un intervento molto preciso con una prognosi peggiore.

Tempi: fattore chiave per la correzione della vasovasostomia

Svolge un ruolo fondamentale nel recupero della fertilità, il periodo di tempo trascorso dalla vasectomia come metodo di pianificazione familiare: maggiore è il tempo, peggiori sono i risultati.

Più è lungo l’intervallo tra vasectomia e correzione, più basso è il tasso di gravidanza. Ad esempio, in uno studio su 1.469 uomini sottoposti a correzione vasectomica microchirurgica:

  • Le percentuali di permeabilità e gravidanza sono state rispettivamente del 97% e del 76%, per un intervallo fino a 3 anni dopo la vasectomia.
  • 88% e 53% per i pazienti che avevano realizzato l’operazione dai 3 agli 8 anni precedenti.
  • Tra il 79% e il 44% rispettivamente per i casi in cui era stata realizzata dai 9 ai 14 anni precedenti.
  • 71% e 30% per i casi ≥ ai 15 anni.

La maggior parte dei pazienti arriva dopo più di 8 anni dalla loro vasectomia, che influenza il tasso di successo della vasovasostomia. Questo, aggiunto al fatto che si tratta di un intervento chirurgico complesso, che non sempre raggiunge il suo scopo e richiede un periodo di attesa dopo il suo completamento; fa sì che risulti più favorevole che la FIV -con biopsia o puntura testicolare per raccogliere gli spermatozoi direttamente dal testicolo-, sia la tecnica più efficace per recuperare la paternità.

Maggiori informazioni nella sezione di  uroandrologia dell’ Instituto Bernabeu

Potete effettuare una

Rate this post