Non riesco a rimanere incinta a causa del mancato impianto embrionario? Diagnosi in un giorno per non avere piú dubbi.

Riuscire ad ottenere una gravidanza quando si è di fronte a molteplici esiti negativi è una delle sfide che l’equipe medica del Instituto Bernabeu affronta ogni giorno. Una delle sfide piú importanti dell’ infertilitá femminile è il mancato impianto embrionario. L’embrione non riesce ad annidarsi nell’utero materno oppure la donna ha un aborto precoce, che è causa di grande frustrazione. La coppia dovrebbe affidarsi  ad uno specialista il prima possibile, e non lasciare al caso  o aspettare che il tempo soluzioni una situazione che richiede uno studio personalizzato.
Il direttore  medico dell’ Istituto Bernabeu,  il dottor Rafael Bernabeu, spiega che : “Le cause  di un mancato impianto embrionario sono molteplici,  le pazienti ritengono essere loro, ma è certamente vero che la maggior parte dei problemi sono embrionari”. Per questo motivo il centro medico referente in medicina riproduttiva sviluppa uno studio sui tre pazienti: “La madre, il padre e l’ embrione”. Il 25% dei casi di mancato impianto embrionario non hanno  una “causa chiara”, in molti casi esiste una connessione di fattori che associati possono diventarla, sottolinea il dottor Rafael Bernabeu. Non sono solo fattori ambientali e immunologici, ma dovuti  anche all’assunzione di alcuni alimenti e ai cosmetici utilizzati. “Siamo esposti a decine di migliaia di sostanze chimiche e molte generano disturbi  e tra queste  puó  risiedere la causa degli aborti ripetuti e del mancato impianto ”, evidenzia il dottor Bernabeu. […]

Da |2017-01-27T15:56:42+00:0027 de gennaio de 2017|Attualità, Fertilità, Salute della donna|0 Commenti

Che informazioni ci fornisce un FISH in spermatozoi?

Limitare lo studio di fertilità maschile ad un seminogramma o spermiogramma ci consentirebbe di avere una visione parziale della qualità seminale. Il seminogramma ci comunica solo il numero e le caratteristiche degli spermatozoi nell’eiaculazione (movimento, morfologia …) ma non ci dice nulla di altri aspetti come l’integrità del DNA spermatico o la dotazione cromosomica degli spermatozoi. Uno studio completo del fattore maschile per conoscere come contribuisce al problema della fertilità nella coppia richiede l’analisi di alcuni aspetti complementari delle caratteristiche seminali. […]

Da |2017-01-18T13:57:10+00:0020 de gennaio de 2017|Attualità, Fertilità, Genetica, Urologia|0 Commenti

Cos’è uno spermatide?

La produzione di spermatozoi avviene nei tubuli seminiferi testicolari e si conosce come spermatogenesi.  Una cellula germinale darà luogo a 4 spermatozoi maturi alla fine di questo processo che dura dai 62 ai 75 giorni nella specie umana.   L’ultima tappa della spermatogenesi è il passaggio da spermatidi a spermatozoi, conosciuta come spermiogenesi e consiste in un processo di differenziazione e maturazione cellulare.   Come si osserva nella figura, gli spermatidi provengono da spermatociti secondari e hanno già superato le fasi di divisione meiotica I e II e possiedono una dotazione cromosomica normale (aploide) che permette di fecondare un ovocito maturo.  Quindi, sebbene siano cellule immature, sono valide per essere utilizzate in tecniche di riproduzione assistita mediante ICSI quando non si trovano spermatozoi maturi in campioni di eiaculazione o testicolari. […]

Astenozoospermia: Cos’è?, Come si diagnostica?, Che trattamento seguire per raggiungere una gravidanza?

La astenozoospermia consiste nella diminuzione della percentuale di spermatozoi mobili in un campione di liquido seminale e si determina mediante un spermiogramma o analisi seminale.
Lo spermiogramma è attualmente uno strumento basico che ci offre le migliori informazioni per valutare la fertilità dell’uomo ed è estremamente utile per scegliere i trattamenti personalizzati per la coppia. Mediante queste analisi si studiano diversi fattori come la concentrazione, la mobilità e la morfologia degli spermatozoi presenti nell’eiaculazione.
Stando ai criteri della 5ª edizione del manuale dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) (2010) un uomo è affetto da astenozoospermia quando nell’eiaculazione meno del 32% degli spermatozoi hanno mobilità progressiva (spermatozoi che si spostano) o meno del 40% degli spermatozoi sono mobili totali (spermatozoi mobili con o senza spostamento). […]

Come si interpreta un seminogramma?

Il seminogramma, chiamato anche spermiogramma, è lo studio basico che viene effettuato su un campione di liquido seminale per poterne studiare la qualità. Per effettuate quest’analisi correttamente è necessario che il paziente mantenga un’astinenza sessuale da 3 a 5 giorni, che non si produca nessuna eiaculazione in questo periodo e che il campione venga ottenuto mediante masturbazione.
I parametri più importanti che si studiano in una mostra di liquido seminale sono i seguenti: […]