La menopausa

Nella nostra società, spesso si interpreta la menopausa come un cambiamento negativo nella vita della donna che lo aspetta con un certo timore e preoccupazione.

La menopausa non significa vecchiaia e tanto meno significa perdita di femminilità. È una tappa naturale nella vita di tutte le donne.

Una donna che segue sane abitudini godrà di una migliore qualità di vita, per questo è importante appoggiarsi al suo ginecologo per abituarsi ai nuovi cambi o possibili disturbi, e così procedere fin dal principio alla prevenzione di patologie che possono provocare il deficit ormonale relazionato a questa nuova tappa migliorando così la sua futura qualità di vita.

La menopausa è il periodo che comincia dopo le ultime mestruazioni, al quale seguono una serie di cambi fisiologici molto importanti che possono turbare la normale vita della donna. Veniamo a conoscenza che si tratta delle ultime mestruazioni posteriormente, e deve passare un anno senza avere il ciclo per poter dire d’essere in menopausa.

menopausa e fertilità

Questi cambi sono dovuti al declino della funzione ovarica, con la diminuzione della produzione di estrogeni. Per questa ragione i cambiamenti non sono immediati. Sono frequenti mestruazioni irregolari ( cicli più frequenti, o più abbondanti) ed in altre occasioni l’assenza del ciclo in alcuni mesi con la conseguente possibilità ( anche se scarsa) di gravidanza. I cambi sopracitati possono essere: caldane, sudorazione notturna, palpitazioni, insonnia, cambi di umore, irritabilità, pelle secca, variazione della distribuzione della peluria, ostioporosi, atrofia urogenitale, secchezza vaginale, dispareunia ( dolori durante il rapporto sessuale), presenza di malattie cardiovascolari, ecc.

Tutti questi disturbi non si presentano in tutte le donne, e quando appaiono non hanno la stessa intensità, in alcuni casi può esser necessario un trattamento medico e in altri misure igenico-dietetiche.

Quando si raggiunge quest’età critica è importante farsi visitare da un ginecologo perchè è un buon momento per eseguire uno studio globale della salute, valutando la sintomatologia attuale e prevenire le alterazioni che possono sorgere ed allo stesso tempo cercare di prevenire i tumori più frequenti in queste età.

Quando la sintomatologia raggiunge alti livelli, viene indicato un trattamento che cerca di imitare il funzionamento normale delle ovaie, che sta mancando, per questo si chiama trattamento ormonale sostitutivo o THS. È formato da due ormoni: gli estrogeni e i gestageni, utilizzandone uno o entrambi a seconda delle circostanze cliniche

Questi medicinali sono presenti in diverse forme ( compresse, cerotti, gel) la somministrazione può anch’essa variare ( continua, ciclica), in maniera che il trattamento possa essere regolato al meglio a seconda delle necessità di ogni paziente, dopo uno studio per scartare circostanze che controindicano il trattamento.

Quando esistono controindicazioni o il timore di una paziente a prendere ormoni, esistono trattamenti alternativi, che anche se non hanno gli stessi effetti del THS attutiscono la sintomatologia. Stiamo parlando dei fitoestrogeni un composto naturale che si trova in alcuni alimenti, le isoflavone sono le più potenti e sono presenti quasi esclusivamente nei legumi. La soya è il legume con maggior quantità di isoflavone.

menopausa e fertilità

La osteoporosi è un disfunzione delle ossa, aumentando la mancanza di calcio riduce la massa e la densità ossea, modificando la microstruttura delle stesse, le converte in fragili e soggette ad un maggiore rischio di fratture.

Esistono diversi procedimenti per valutare la densità ossea: la radiologia, l’ecografia, la densitometria ossea con metodica DXA, ecc. Quest’ultima è la più affidabile, il risultato ci mostra il livello della massa ossea che ci indicherà il fattore di rischio delle fratture.

Esistono fattori di rischio che possono favorire la presenza dell’osteoporosi post-menopausica che non sono modificabili ( menopausa prematura, costituzione esile, nulliparità, bassa statura, origine etnica, ecc.), ma altri sono modificabili ( consumo di tabacco, innattività fisica, mancanza di calcio, abuso d’alcool, abuso di caffeina).

Quando appare nella densitometria ossea una osteopenia (decalcificazione) è il momento di iniziare il trattamento, oltre a intensificare le misure igenico-dietetiche che si sarebbero già dovute applicare. Sono disponibili diversi trattamenti medici. Il medico valuterà qual’è il più idoneo ( supplemento di calcio, vitamina D, bifosfonati, ecc.).

Quando si entra in menopausa può essere un buon momento per attenuare le alterazioni proprie di questo periodo e prevenire altre malattie per migliorare la qualità della vita ( prevenire malattie cardiovascolari, diagnosi precoce del tumore al seno, della cervice e colorettale).

Un cambio di stile di vita può essere molto importante: smettere di fumare, ridurre il consumo di bevande alcoliche, svolgere attività fisica e mantenere il peso ideale, sono determinanti per la salute della donna.

Domande e risposte

Se la sua domanda non è presente la preghiamo di farcela pervenire.


© Instituto Bernabeu. Spagna. | Alicante | Elche | Cartagena | Benidorm | +34 902 30 20 40 | | Avviso Legale | Cookies policy

Instituto Bernabeu - Medicina reproductiva IBbiotech Fundación instituto bernabeu sello ISO EFQM

25º Compleanno del primo bebé FIV dell’ Instituto Bernabeu

Cargando...