Il fattore maschile nell’infertilità della coppia

Contrariamente alla credenza obsoleta secondo la quale i problemi riproduttivi ricadono in gran parte sul fattore femminile, le cifre aggiornate parlano da sé: il 47% dei casi di infertilità in una coppia sono dovuti a problemi nell’uomo. Di conseguenza, quando una coppia ha problemi fertilità e si reca presso un centro specializzato in riproduzione assistita, le analisi e gli studi vengono effettuati su entrambi i membri. Questa modalità di osservare sia il fattore femminile che quello maschile è oramai abituale e viene svolta da tutti i professionisti del settore, sebbene esistano ancora alcune incertezze sui problemi di infertilità che possono colpire l’uomo. Quali sono?  Che soluzioni offrono oggi i centri pionieri in riproduzione assistita in questi casi?
I problemi più frequenti nell’uomo possono essere “l’alterazione nei parametri seminali senza una causa conosciuta o evidente”, spiegano dall’Instituto Bernabeu di Alicante. Ciò significa che può esserci un numero scarso di spermatozoi, che abbiamo una bassa mobilità o una morfologia alterata. Inoltre, possono esistere cause più specifiche e identificate dell’alterazione del liquido seminale, come problemi di ostruzione, infezioni, malattie o cause genetiche che impediscono la fecondazione dell’ovulo o ripercuotono sulla qualità embrionale. […]

Nuova tecnica diagnostica per la sterilità maschile e perdita di materiale genetico (microdelezioni del cromosoma Y).

Abbiamo tutti 46 cromosomi: 23 ereditati dal padre e 23 dalla madre. In questi cromosomi si trovano tutte le informazioni genetiche del nostro organismo. Due di questi 46 cromosomi sessuali definiscono se siamo maschi (XY) o femmine (XX). Quindi il cromosoma Y contiene le informazioni necessarie che distinguono gli uomini dalle donne e per la formazione degli spermatozoi.
Lo studio delle microdelezioni del cromosoma Y consiste nel verificare se il cromosoma Y è completo e contiene quindi tutte le informaizoni necessarie per una produzione adeguata di spermatozoi o se invece si è verificata una perdita di piccoli frammenti. La perdita di questi frammenti produce alterazioni nel seminogramma che potrebbero causare la produzione di pochi spermatozoi (oligozoospermia) o persino nessuno (azoospermia). […]

I Parametri sulla Qualità Seminale secondo l`Organizzazione Mondiale della Salute (OMS)

Il seminogramma è diventato uno strumento básico che ci permette ottenere la miglior informazione per valutare la fertilità dell’uomo ed è molto utile per poter indicare un trattamento personalizzato ad ogni coppia.

L’ Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ha pubblicato numerose edizioni del “Manuale per l’esame del Seme Umano e l’ Interazione Moco Seme”, l’ultima è stata pubblicata nel 2010. Questi manuali servono da guida ai  laboratori di Andrología all’ora di realizzare una valutazione della qualità seminale. Inoltre in questi ultimi anni la Società Europea di Riproduzione Umana ed Embryologica  (ESHRE) in collaborazione con la OMS ha sviluppato un programma per ridurre le differenze tra i centri riguardo la diagnosi e la valorazione dei campioni seminali e così unificare i criteri dei diversi laboratori. […]

L`utilizzo dei campi magnetici per selezionare gli spermatozoi sani per la fecondazione, MACS (MagneticActivatedCellSorting)

Com’è già ben noto, un’ottima qualità seminale è importante per il successo delle tecniche di Riproduzione Assistita. Per questo nel laboratorio si cerca di migliorare il seme sulla base di motilità e morfología, selezionando quegli spermatozoi che consideriamo i migliori.

In ogni eiaculato esistono spermatozoi con membrane anomale che sono programmate per  “morire”. Questo processo viene denominato apoptosi o morte cellulare programmata, viene stimato che il seme delle coppie subfertili presenti un  20 % circa di spermatozoi in processo di “morte cellulare”. […]

La Síndrome di Klinefelter e la fertilità. Unità dell´Instituto Bernabeu per il suo trattamento.

La sindrome di Klinefelter si considera la anomalía cromosomica più comune negli esseri umani con un’incidenza di 1 su 500 nei bambini maschi. Queste persone presentano un cromosma X di troppo, portando a una mancanza testicolare primaria, le cui consequenze primarie sono l’ infertilità e l’ipoandrogenismo.

[…]

Da |24 de settembre de 2012|Attualità, Fertilità, Sterilità, Urologia|0 Commenti

L´azoospermia nel laboratorio di FIV

L’ azoospermia viene definita come l’assenza di spermatozoi nell’ eiaculazione, generalmente viene classificata in ostruttiva e escretoria. Nelle azoospermie ostruttive gli spermatozoi non possono percorrere il cammino dal testicolo all’uretra attraverso le vie seminali, tuttavia si formano spermatoozi nel testicolo (spermatogenesi), cosa molto importante.

[…]

Da |11 de gennaio de 2012|Attualità, Fertilità, Sterilità, Urologia|2 Commenti

IL SEMINOGRAMMA E GLI AVANZATI STUDI SUL SEME (FISH E TUNEL)

Uno degli studi basici, che vengono realizzati sul paziente, per determinare qual’è la qualità seminale è il seminogramma o spermiogramma.

[…]