La ricettività endometriale svolge un ruolo fondamentale nel successo di qualsiasi trattamento di Riproduzione Assistita sia nei cicli di Fecondazione in Vitro che nei trasferimenti di embrioni congelati (CT) o quelli di donazione ovocitaria. Per questo una profonda attenzione è stata dedicata a conoscere in che modo è possibile misurare la capacità dell’utero per “accettare” l’embrione.

Un’adeguata preparazione endometriale ormonale ed un trasferimento di embrioni di buona qualità sono fattori fondamentali per ottenere buoni risultati. Infatti i protocolli di preparazione endometriale si sono sviluppati per imitare il più fedelmente possibile il profilo di un ciclo mestruale.

È stata osservata una certa tendenza all’aborto ma senza risultati concreti in endometri molto sottili.

Nel 1984 è stato realizzato il primo studio, allora si stabilí che 10mm era lo spessore ideale ma attualmente con endometri di 7mm i risultati sono ottimi, anche raggiungendo uno spessore minimo.

Ricapitolando, nonostante sembra esistere una certa influenza dello spessore endometriale sui risultati finali, la diversità dei risultati ottenuti fa pensare che non esista una misura minima ma che entrino in gioco le caratteristiche uterine endometriali di ogni donna.

 

Dra. Belén Moliner ginecologa dell´ Instituto Bernabeu

Per conoscere i prossimi argomenti del nostro forum, seguiteci su facebook.

Se desidera prendere un’appuntamento on-line, richieda la disponibilità.

Per maggiori informazioni visitate il nostro sito: www.institutobernabeu.com/it/